Cerca

Bella vita

Le spese folli del "mariuolo" Maruccio: 500 euro in pizzeria

Discoteche, viaggi e ristoranti. Dall'estratto conto del "Fiorito dell'Idv" esce fuori un viveur. Vita da nababbo coi soldi del gruppo
Le spese folli del "mariuolo" Maruccio: 500 euro in pizzeria

E' un uomo di mondo Vincenzo Maruccio, l'ormai ex capogruppo dell'Idv alla Regione Lazio. Discoteche, ristoranti, viaggi, il consigliere, balzato agli onori della cronaca come il "Fiorito di Tonino Di Pietro", non si fa mancare niente. Dal suo estratto conto salta fuori che ha speso 700 euro in tre serate al Travaso, disco di via Flaminia. Altri 350 euro Maruccio li ha spesi strsciando il bancomat  in due occasioni nel Las Vegas (ma ancora non è chiaro, per ragioni di omonimia, di quale locale si tratti: un night club per lap dance e strep tease sulla Appia, una slot room del Fleming o una sala da ballo di Civita Castellana). Ma non è tutto, perché a Maruccio non piace solo ballare, a lui piace la bella vita. E così vengono fuori 500 euro spesi in una pizzeria di Gaeta, 250 per una cena a base di pesce in zona Colosseo, e poi pernottamenti in Sardegna, ad Anzio, in un agriturimo a Capalbio. Ha le mani bucate Maruccio, sui suoi dieci conti personali il nucleo Valutario della Guardia di Finanza non ha trovato quasi niente. Li ha spesi tutti i soldi: i suoi (stipendio da consigliere: dodicimila euro al mese) e del gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    13 Ottobre 2012 - 15:03

    mezze tacche ... che da pane e cipolla sono passati alle ostriche e champagne ... forse non meritano nemmeno un commento, ma solo la galera "vera".

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    13 Ottobre 2012 - 14:02

    l'Italia dei magnoni!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Ottobre 2012 - 13:01

    Quando pagano gli altri non ci sono spese pazze!

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    13 Ottobre 2012 - 12:12

    Le spese per attività politica avallate dalla Regione Lazio dicasi € 14.000.000, dovrebbero far riflettere quei fessacchiotti che votarono la Polverini. Comunque se si dovessero comminare punizioni ai ladroni di Stato la punizione giusta sarebbero legnate dietro alla schiena fino a spezzare le ossa. I processi sono inutili, meglio le pene corporali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog