Cerca

Il pasticcio del governo

Esodati, la Fornero dà i numeri: "Abbiamo soldi per 130mila"

Il ministro del Welfare: "Non sono pochi, ci vuole tempo per individuare chi sono. Ma la riforma non si tocca"

Intervista a SkyTg24: "No a controriforme". E boccia la proposta di scalini del Pd Damiano: non c'è la copertura finanziaria necessaria 
Esodati, la Fornero dà i numeri: "Abbiamo soldi per 130mila"

 

Gli esodati salvaguardati "sono 130 mila". Elsa Fornero, ai microfoni di SkyTg24, torna sul pasticcio di quei lavoratori, migliaia, che per effetto dell'ultima riforma delle pensioni sono rimasti senza lavoro né previdenza dopo aver aderito negli altri scorsi a programmi di "scivoli" e prepensionamenti. Il ministro del Welfare ha spiegato: "Il Governo non era al corrente dei numeri delle persone interessante da accordi collettivi o individuali che sono molto difficili da individuare. Si è trovato davanti a un fenomeno molto ampio e diffuso". Per questo, ha sottolineato, l’esecutivo "ha considerato salvaguardie che hanno interessato finora 120 mila persone, alle quali possono aggiungersene altre circa 10mila per effetto di una finestra mobile del ministro Sacconi (il predecessore della Fornero sotto l'ultimo governo Berlusconi, ndr). In 130mila hanno una salvaguardia, non è una cifra piccola. Molte non hanno ancora ricevuto la notifica del loro diritto di poter andare in pensione con i vecchi requisiti", ha concluso, ma l'Inps sta valutando tutte le domande ricevute. "Si tratta di individuare non delle categorie, ma persone con un nome e un cognome".

"No alla legge Damiano e a controriforme" - Il problema degli esodati resta e va risolto, ma il sistema delle pensioni non si tocca. "Il Paese non si può permettere una controriforma", ha proseguito la Fornero, secondo cui "indietro non si torna". "Non sta a me bocciare o promuovere" le proposte dell’esponente del Pd Cesare Damiano, ha commentato il ministro, ma quella sugli scalini   "sarebbe una controriforma. E il Paese non si può permettere una controriforma. Sarebbe abbandonare la strada della sostenibilità finanziaria e quindi sarebbe molto problematico". La proposta di legge dell'ex ministro Damiano prevede che molti degli esodati possano mantenere le vecchie regole di pensionamento, prorogando il regime sperimentale fino al dicembre 2017 estendolo ai lavoratori uomini (oggi previsto solo per le donne e fino al 31 dicembre 2015). In pratica, potrebbero accedere a quel piano gli esodati di età compresa tra i 57 e i 60 anni con 35 anni di contributi, secondo vari scalini. La Ragioneria di Stato ha però bocciato la proposta di legge a causa dei costi che ne renderebbero impossibile la copertura: si parla di 5 miliardi di ammortizzatori sociali, ma ne potrebbero servire molti di più. 

"Il Paese ha bisogno di riforme" - "Siamo un paese che ha bisogno di riforme - ha sottolineato la Fornero - e queste riforme sono scomode e inducono molti a cambiare i loro atteggiamenti: parlo del sindacato, delle imprese ma anche della classe politica". Fare le riforme "vuol dire anche scrollarsi di dosso delle abitudini". Più volte, rileva il ministro, "il presidente della Repubblica e il premier Mario Monti hanno esortato affinchè la parentesi del governo tecnico serva a migliorare gli standard della politica nel   nostro Paese, per arrivare ad una pratica migliore di quelle rappresentate sui giornali e che ci sconfortano". Il problema è che l'accoglienza di quelle stesse riforme "è stata nel complesso fredda. Ma parlare con le persone aiuta. Le riforme non sono di parte ma guardano al paese per interrompere il sentiero del declino  iniziato tanto tempo fa. Penso che il Paese lo capirà".

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccioncino

    22 Ottobre 2012 - 17:05

    La vicenda dei cosiddeti "esodati" è la tipica grottesca tragi-commedia all'italiana..La Ministra avrà certamente agito di fretta e con superficialità,..ma i sindacati, le grandi aziende (tra cui molte a partecipazione pubblica)ed i singoli (o gruppi) lavoratori aderenti ai vari scivoli..hanno agito in maniera assai furbetta, demagogica, irresponsabile, pazzesca..Ben sapendo di giocare all'interno di un sistema (l'Italia) sfilacciato, ridicolo, allo sbando,..tutti costoro han ben pensato di giocare di meschina scaltrezza..una bella partita di poker..contro uno Stato debole e sciamannato..Tanto il sor Pantalone..come di consueto..avrebbe comunque pagato..Anche se facendo debiti giganteschi..e precipitando il Paese nella bancarotta..Eppure erano anni che si parlava di necessaria, urgente riforma delle pensioni..causa insostenibilità del sistema..eh??!!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    15 Ottobre 2012 - 15:03

    Senza nulla togliere alla dabbenaggine di questa piagnistea, io non darei a lei tutte le colpe delle caxxate che sta facendo il suo ministero. Bisogna ammettere che molto probabilmente lei esegue gli ordini del suo capoccia monti, come una scolaretta che sa di sbagliare ma non osa ribellarsi. E' fuor di dubbio che la colpa di questo caos legislativo è collegiale ed in primis del presidente Monti che manca di una precisa strategia, ma pensa solo a far cassa sulla pelle dei più deboli senza nessuno scrupolo di coscienza.

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    15 Ottobre 2012 - 12:12

    che chi è bello, molto spesso è anche intelligente!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    15 Ottobre 2012 - 11:11

    Una fortissima dissenteria per almeno un mese, ma di quelle dolorose.Quando una gioca con la vita della gente, meriterebbe anche di peggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog