Cerca

Oltre il ridicolo

D'Alema non molla: una petizione nel Pd per farlo restare

Secondo Pubblico i militanti si starebbero mobilitando per concedere a Baffino una deroga: rincadidato anche se ha già fatto 7 legislature (il limite è 3...). I maligni: l'iniziativa l'ha decisa lui. E su L'Unità ci sono già 700 firme

D'Alema non molla: una petizione nel Pd per farlo restare

Una petizione per far restare Massimo D'Alema in Parlamento, manco fosse questione di vita o di morte. Secondo Pubblico di Luca Telese tra la base del Partito democratico ci sarebbe scompiglio per donare all'ex premier una "deroga" sul regolamento interno (in realtà già abbondantemente superato) che prevede un massimo di tre mandati. D'Alema in Parlamento ci sta da 7 magistrature per la bellezza di 30 anni (è in buona compagnia, da Rosy Bindi a Livia Turco fino ad Anna Finocchiaro), ma deve essere salvato. Anche se Pubblico, perfidamente, lascia intendere che l'iniziativa dei militanti sia ampiamente sostenuta e incoraggiata dallo stesso Baffino, che a casa proprio non ci vuole restare. Con buona pace del ricambio all'interno del Partito Democratico e dell'esigenza morale, in periodi di scandali e venti anti-Casta, di dare segnali di "non attaccamento" alle poltrone. Ed è di oggi la notizia di una pagina acquistata su L'Unità da parte di 700 militanti del Sud che vogliono il lìder Massimo ancora in corsa: "Per noi è un punto di riferimento". Gli avversari di D'Alema si rassegnino: per mandarlo a casa servirà una vittoria alle primarie del rottamatore Matteo Renzi. Forse.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sorpasso

    18 Ottobre 2012 - 18:06

    Ma quale petizione? Il soliti giochini del partito a cui poi nessuno crede più.

    Report

    Rispondi

  • miracom

    miracom

    18 Ottobre 2012 - 17:05

    Il pietoso baffetto, parla dalla gruber di sentirsi offeso perché a nessuna persona si caccia fuori dalla comoda poltrona e di sentirsi insieme alle bindi & CO una risorsa del partito. Questo malfattore ha la faccia tosta di prendere per culo l'intelligenza dell'italiano medio e non ha capito che il problema non è l'età della persona, ma sono gli anni che occupa lo scranno parlamentare. Inoltre la minaccia che fa a Renzi che se vince le primarie sarà guerra, è segno che ormai non ragiona, ma delira.

    Report

    Rispondi

  • routier

    18 Ottobre 2012 - 12:12

    Sarebbe interessante fare una contropetizione e vedere se sono più numerosi quelli che lo vogliono mandare a casa o quelli che lo sostengono. Io credo ne vedremmo delle belle...

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    15 Ottobre 2012 - 20:08

    Ha così tanti parenti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog