Cerca

Faide democratiche

Bersani: "Non chiederò a D'Alema di ricandidarsi"

Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema

Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema

L'uscita di scena di Walter Veltroni sta facendo venire giù tutto il Partito democratico. Domenica il cofondatore del Pd ha annunciato di volersi fare da parte e che non si ricandiderà al Parlamento, mossa che poteva mettere in difficoltà il rottamatore Matteo Renzi. Iniziare il ricambio generazionale significava, in sostanza, depotenziare la propaganda giovanilista del sindaco di Firenze, grande avversario del segretario Pierluigi Bersani alle imminenti primarie. E invece, come a sinistra sanno fare da maestri, l'opportunità si è trasformata in un boomerang devastante, una faida interna che indebolisce ancora di più Bersani. Il motivo è semplice: l'altro grande caporione del partito, Massimo D'Alema, non sa ancora se imiterà l'esempio dell'amico-nemico Uolter, e nelle ultime ore ne è nato un battibecco glaciale proprio con Bersani. Insomma, i Tafazzi democratici sono sempre all'opera.

Botta e risposta - "Io non chiederò a Massimo D'Alema di candidarsi, io non chiedo a nessuno a candidarsi". Ha commentato  Bersani rispondendo a Baffino, che a sua volta aveva spiegato: "Mi ricandido se me lo chiede il partito". Un modo "gentile ed educato" per spiegare che lui, la poltrona non la vuole lasciare. Non a caso, nel primo pomeriggio arriva la replica di D'Alema: "Non decide Bersani, deciderà il partito". E a chi gli domanda se chiederà una deroga, l'ex premier risponde enigmatico: "Valuteremo".

 


"Sbaglia chi mi crede finito" In un'intervista a Repubblica in edicola mercoledì 17 ottobre, Massimo D'Alema, spiega: "Non è il segretario che decide le candidature, c'è una preocedura prestabilita, e c'è un organo preposto. Quell'organo si chiama direzione. Ed è lì che si decide, questo ha detto Bersani e questo dico anche io. Valuteremo insieme se mi candido o no, quello che mi sta a cuore, adesso, è difendere la mia, la nostra storia. Noi abbiamo governato questo Paese, noi l'abbiamo portato in Europa. Questo è un fatto, non un'opinione. Se c'è qualcuno che pensa che io ormai sia un cane morto, credo proprio che in termini di consensi reali, nel partito e nel paese si stia sbagliando e se ne accorgerà". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miracom

    miracom

    18 Ottobre 2012 - 17:05

    Hai ragione baffino, non sei un cane morto, ma un peso morto per gli Italiani, sì!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    17 Ottobre 2012 - 09:09

    Già. E' proprio quel signore (si fa per dire).

    Report

    Rispondi

  • blu521

    17 Ottobre 2012 - 09:09

    A me sembra un post chiarissimo. Se non lo ha capito, mi arrendo: non trovo le parole! Ma lei corre il serio rischio di passare per bananas. Quell'uso disinvolto del tu poi,....via sia serio.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    17 Ottobre 2012 - 07:07

    Fuori dalle balle tutti e due, in casa di ricovero. L' Italia ha bisogno di persone oneste e che lavorino per il bene del paese e non di farabutti chiacchieroni e ladri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog