Cerca

Fratelli coltelli democratici

Raccolta firme per candidare D'Alema
Spuntano nomi finti

Raccolta firme per candidare D'Alema
Spuntano nomi finti

 

Elisa Calessi

Non è solo Antonio Placido, sindaco di Rionero in Valture, Basilicata, ad aver scoperto di aver firmato a sua insaputa l’appello in difesa di Massimo D’Alema. Stessa cosa, si scopre, è accaduta a Sabrina Rocca, candidata del centrosinistra alle ultime amministrative a Trapani. Come Placido (e come, pare, altri) ha letto il suo nome tra i settecento dell’appello pubblicato lunedì dall’Unità per sostenere l’importanza di ricandidare in Parlamento il presidente del Copasir. Peccato che Rocca non fosse stata avvertita: «Non sapevo di quella pagina dell’Unità», ha  raccontato al Fatto quotidiano, «ma ho trovato la casella di posta piena di insulti: molti mi esprimevano il loro disappunto per aver trovato il mio nome tra quella fila di sostenitori di D’Alema. Mi dicevano: ma proprio lei che fa la dissidente del Pd, adesso firma in favore di D’Alema?». Rocca, infatti, non è in buoni rapporti con i vertici del Pd: indicata come candidato da Sinistra e libertà, solo in un secondo tempo anche il suo partito si era accodato. Ma le sorprese non sono finite. Prosegue l’inconsapevole firmataria: «Dopo aver visto che il mio nome compariva effettivamente tra le settecento firme per D’Alema ho subito contattato i vertici nazionali del partito: “Lei ha ricevuto una mail”, mi hanno detto. Ho cercato tra la posta, ed in effetti avevo ricevuto la mail con l’appello, ma non l’avevo mai letta. Come hanno fatto dunque ad includermi tra i firmatari dell’appello, se non avevo neanche risposto?». Dal che si deduce un altro particolare non di poco conto: la campagna per l’appello in favore di D’Alema è partita dal Nazareno, dal «partito». 

L’iniziativa, insomma, è nata male e prosegue peggio. Nicola Latorre, ex fedelissimo di D’Alema, si è pubblicamente dissociato definendolo un «autogol». E molti, ieri in Transatlantico, ironizzavano sul numero ridotto e anche sulla modestia delle firme che pure sono autentiche. «Uno come D’Alema avrebbe dovuto metterne insieme almeno mille o duemila. E poi di livello, non roba così».

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    17 Ottobre 2012 - 21:09

    Morto non lo é di certo. Per il resto, vista la sua propensione per l'acqua potrebbe essere un Labrador.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    17 Ottobre 2012 - 14:02

    Non sta a me fare considerazioni su D’Alema essendo io uno che sta dall’altra parte. E’ una constatazione: lui è quello che ha impedito e impedisce di continuo l’evolversi del processo democratico del Pd e del sistema Italia. Mi dispiace, ma c’è un’enorme differenza tra B. e lui.

    Report

    Rispondi

  • claudio13

    17 Ottobre 2012 - 12:12

    meno male che si sbattono ancora per il cadreghino vuol dire che c'è ancora del formaggio e la barca non sta andando a fondo

    Report

    Rispondi

  • fossog

    17 Ottobre 2012 - 11:11

    ieri sera, su la7 ho sentito Letta, il vice di bersani, dire che togliere soldi ai partiti per Darli alla ricotruzione post terremoto è difficile perchè si chiudono posti di lavoro nei partiti.... se Letta ha il cervello così Malato, mi chiedo quanto possa essere invece marcio uno come d'alema che per 30 non è mai servito a nulla. Quanto a Letta, vorrei potesse capire che la scelta tra il salvare un posto in un partito e salvare un posto nel biomedicale in Emilia, ad es, non trova nei cittadini alcun dubbio su ciò che è meglio. Questo per me è il classico esempio di come e quanto siano ormai marci i cervelli/cultura delle zecche dei partiti attuali. Non si può fare altro che CANCELLARLI TUTTI E SUBITO, ALLE PROX ELEZIONI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog