Cerca

Scrivete a Libero

Pdl alla svolta finale: scegliete voi chi rottamare

Berlusconi vuole i giovani, Alfano vuole cacciare gli inquisiti, la Santanchè fa piazza pulita. Fate voi i nomi a rottamailpdl@liberoquotidiano.it

Pdl alla svolta finale: scegliete voi chi rottamare

di Paolo Emilio Russo

Buona parte degli oltre quattrocento parlamentari eletti dal Pdl nel 2008, ormai sparpagliati per una miriade di gruppetti tra Camera e Senato, dovrà tornare al proprio mestiere o cercarsene uno nuovo di zecca. Qualunque sia la  nuova legge elettorale, a meno di miracoli last minute di Silvio Berlusconi, decine di deputati e senatori non riusciranno a riconquistare un seggio. Difficile, se non impossibile, replicare le miracolose percentuali di cinque anni fa, almeno stando ai sondaggi che girano e alla luce dei vari appuntamenti elettorali mid-term.  Per questa ragione, già da settimane,  è cominciata la spending review dei parlamentari, si discute di chi si è guadagnato il diritto a rientrare nelle liste e chi no. 

Silvio Berlusconi e Angelino Alfano hanno espresso in modo chiaro i loro desiderata, messo dei paletti. Il Cavaliere, che si è reso perfettamente conto della crisi di appeal del suo partito, da tempo dice di avere in testa «liste composte da giovani, da professionisti, con tante donne». Ha chiesto ai suoi Colonnelli, specie quelli in Parlamento da molto tempo, soprattutto ex democristiani, missini e socialisti, di prepararsi ad un passo indietro. Qualcuno si è detto disposto a farsi da parte, altri no, resistono. Il segretario, specie dopo l’esplosione dello scandalo alla Regione Lazio, si è messo a battere su un altro tasto: «Cacceremo dal partito i ladri, i rubagalline, i malfattori e i gaglioffi». Qualora Alfano dovesse riuscire a portare a compimento il repulisti si libererebbero un tot di posti: i parlamentari Pdl rinviati a giudizio sono qualche decina. 

Libero si è permesso di dare qualche suggerimento: è ora che escano dalle liste, lascino spazio a nuove intelligenze, i “residuati” della Prima Repubblica. Chi già sedeva in Parlamento ai tempi del proporzionale D’Hondt, del compromesso storico, dell’esplosione del debito pubblico, non dovrebbe essere ammesso alla costruzione della Terza Repubblica, quella che verrà dopo il 2013. Il Pdl dovrebbe avere il coraggio di fare a meno di “dinosauri” del Parlamento come per esempio, il senatore Beppe Pisanu, ex democristiano, che supererebbe i 40 anni in Parlamento, ma anche dell’ex socialista Margherita Boniver, che occupa un seggio dal 1979, per citarne due. Ma anche di Altero Matteoli, ex Msi, più volte ministro, senatore da quasi 30 anni. Daniela Santanchè, che non è deputato, ha chiesto le dimissioni «a tutto l’apparato» del Pdl, l’azzeramento totale. Qualcuno dei colleghi le ha risposto che dovrebbe essere lei ad auto-rottamarsi perché non è mai stata candidata col Pdl. 

Da oggi la palla passa agli italiani, ai lettori di Libero. Sul nostro sito www.liberoquotidiano.it chiunque potrà scegliere chi rottamare e chi salvare dei parlamentari uscenti. È sufficiente mandare una email a rottamailpdl@liberoquotidiano.it indicando tre nomi per la prima categoria, tre per la seconda. Vi terremo aggiornati sull’andamento dei voti. È un test interessante. Certamente qualcuno, tra via De l’Umiltà e Palazzo Grazioli, almeno un’occhiata ai risultati riuscirà a darla.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dinumby

    25 Ottobre 2012 - 18:06

    Il vero rinnovamento sta nell'ascoltare la protesta,e considerato i sondaggi e la similitudine degli elettori tra quelli che aderirono nel 94 a Forza Italia e quelli del M5S l'unica speranza per il centrodestra di riemergere è coinvolgere Grillo e lasciare per strada la Lega.

    Report

    Rispondi

  • Patriota40

    25 Ottobre 2012 - 11:11

    Secondo i sondaggi che ci vengono propinati giornalmente. il MV5 di Grillo è al 20% mentre il PDL risulterebbe al 14% ergo, il consenso dei grillini proviene dagli elettori del CentroDs e dalla lega. Io sono un elettore di formazione liberale collocato nel PDL.Chiedo suggerimenti per indirizzare il mio voto avendo di fronte uno scenario che vede Bersani Vendola al 30% , Quelli che non votano al 35%, i grillini al 20% il resto disperso tra varie formazioni. Poichè considero Bersani Vendola al potere una iattura per il paese, un vero disastro così come i grillini , mi sembra che in ogni caso il ns. futuro è privo di speranza. Mi domando poi ma Bersani e Vendola pensano forse di disattendere le disposizioni della CEE . Fanno finta di poter cambiare il corso delle cose , ma se ci provano lo spread glielo infileranno in quel posto e forse Vendola ne trarrà gran goduria.

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    25 Ottobre 2012 - 11:11

    complimenti per la sequela di sciocchezze che ha scritto.

    Report

    Rispondi

  • Patriota40

    25 Ottobre 2012 - 10:10

    Noi chiamati moderati, non siamo in grado di organizzarci a modello del PD che fin dalle origini ha perseguito una propria strategia.Un lavoro lungo che ha portato alla creazione di Magistratura democratica, al controllo dei media e della cultura,al potere economico tramite il mondo delle COOP,MPS e fondazioni varie. L'unica organizzazione che si è proposta come alternativa è quella dei Ciellini. Il controllo di queste organizzazioni consente la distribuzioni di posti di lavoro ad alto e basso livello e di conseguenza il controllo dei voti.Berlusconi è stato un velleitario pensando di sgretolare questo sistema con il suo carisma. Oggi il potere è in mano alla magistratura, che non ha permesso la limatura dei loro stipendi, si è posta a livello del Quirinale, condannato scienziati per non aver previsto il terremoto, etc. Abbiamo anche prefetti che si indignano perché un prete di frontiera ha chiamato "Signora" una collega, fregandosene che quel prete combatte al suo posto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog