Cerca

Verso il voto

Pansa: qualcuno
faccia il Ppi
e lo dia a Monti

Il Pdl è allo sbando e Berlusconi è l’ombra di se stesso. L’unica cosa da fare nel centrodestra è fondare un nuovo partito e affidarlo a un leader capace

Pansa: qualcuno
faccia il Ppi
e lo dia a Monti

 

La sigla Ppi indica il Partito popolare italiano. L’aveva creato nel 1919 don Luigi Sturzo e il fascismo l’ha poi soffocato. Nel dopoguerra al suo posto è nata la Democrazia cristiana, il nostro partito moderato che ha governato, nel bene e nel male, sino a Tangentopoli. Oggi la Dc non esiste più, ma in Europa c’è il Partito popolare europeo, di fatto guidato dal cancelliere tedesco Angela Merkel. Il Ppe raggruppa partiti di centro, di centrodestra e di centrosinistra. Compresi il partito di Silvio Berlusconi e quello di Pier Ferdinando Casini. 

Un Partito popolare italiano ci manca. E a mio parere i superstiti del Pdl, fondato dal Cavaliere nel novembre 2007, farebbero bingo a inventarlo. Sarebbe l’unico modo per smetterla di fabbricare danni al Paese e a se stessi. Qualcuno potrà osservare che alle elezioni manca appena una manciata di mesi. Un tempo troppo breve per una rifondazione totale. Ma è un’obiezione da respingere. I superstiti del Pdl devono lavorare per un futuro più lontano dell’aprile 2013. Tuttavia, se vogliono far sì che l’avvenire non sia una chimera, potranno anche presentarsi agli elettori con l’abbozzo di un progetto chiaro e diverso dalla minestra riscaldata. 

Il Bestiario suggerisce di creare il Partito popolare italiano. Il passo successivo è affidarlo a un leader in grado di sfidare il blocco avversario. Sempre il Bestiario consiglia Mario Monti.

Leggi l'articolo integrale di Giampaolo Pansa su Libero del 21 ottobre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    26 Ottobre 2012 - 18:06

    Ma lo sapete almeno che "Silvio" ha praticamente proposto la stessa cosa?

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    26 Ottobre 2012 - 17:05

    ...abbia una posizione nei confronti della magistratura che non ha niente a che vedere con la DELEGITTIMAZIONE SSTEMATICA fatta dai berlusconiani (vedi anche "reazione" alla recente sentenza...)

    Report

    Rispondi

  • doris

    23 Ottobre 2012 - 08:08

    E' una delle poche volte che non sono daccordo con Lei,ma lo ha visto che patata lessa e' il sig Monti ,non oso pensare alle lezioni all'universita...dicendola alla fantozzi ..una noia mortale..Credo che un lider che possa risollevare la destra debba per forza essere coinvolgente,ottimista,ma soprattutto impegnarsi a non spennare i soliti noti.Il sig Monti ha gia dato,se ne e' fregato delle classi deboli ed e' andato avanti come un panzer schicciando quei pochi,pochissimi servizi che i meno abbienti avevano comquistato negli anni...c'e' da vergognarsi ,non da fondare un partito!Veda sig Pansa ,al "popolino" serve poco ..un po'di rispetto!!

    Report

    Rispondi

  • angelo.p

    22 Ottobre 2012 - 19:07

    chiunque ma non MONTI. un uomo di tal parte non può guidare un partito popolare. se lo sostieni , mi fai pensare male: o sei ricco da non piangere per il massacro fatto nei confronti degli Italiani, oppure anteponi" il buon viso" ad una così cattiva sorte. oggi all'ITALIA occorre un buon economista coraggioso che sappia investire sul futuro, contando sulle soppresse doti di questo popolo CHIAMATO SOLTANTO A PAGARE TASSE. le troppe tasse,oltre ad indurci in povertà, smorzano anche tutte lo possibili iniziative atte a creare imprese e lavoro. se criminalizziamo gli imprenditori e non diamo loro la possibilità di godersi onestamente quel poco che gli resta al netto del FISCO, scapperanno anche quei pochi rimasti e QUESTO MONTI NON L'HA CAPITO O NON L'HA VOLUTO CAPIRE. GRAZIE PANSA,MONTI NON CI SERVE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog