Cerca

Stop ai "raccomandati"

Abolito il listino bloccato
Mai più un altro caso Minetti

La Regione Lombardia approva la modifica della legge elettorale: tutti i candidati dovranno d'ora in poi passare attraverso il voto

L'ultimo atto del dimissionario consiglio regionale lombardo. La showgirl e il fisioterapista di Berlusconi erano entrati al Pirellone senza essersi guadagnati un solo voto
Abolito il listino bloccato
Mai più un altro caso Minetti

Non ci saranno altri casi-Minetti in Regione Lombardia. Nella sua ultima seduta prima dello scioglimento anticipato, il Consiglio regionale ha infatti approvato la modifica della legge elettorale, che prevede tra le altre cose anche l'abolizione del cosiddetto "listino bloccato": una lista di nomi collegata al nome del candidato presidente che, in caso di vittoria di quest'ultimo, accedono al Consiglio regionale senza bisogno di prendere voti. In quel modo, tra gli eletti al Pirellone, erano stati infilati tra gli altri Nicole Minetti e il fisioterapista di Silvio Berlusconi Giorgio Puricelli. Intromissioni che Roberto Formigoni, a denti stretti, aveva mandato giù, salvo poi non riuscire a nascondere la sua irritazione dopo il coinvolgimento della stessa Minetti nel caso Ruby. Da tempo, lo stesso Formigoni aveva dato indicazione al Consiglio perchè correggesse la legge elettorale lombarda facendo sparire "l'ingombrante" listino bloccato. necessità che aveva ribadito all'indomani della crisi in Regione.

Con 75 sì e 1 no, oltre all'abolizione del listino sono state approvate la rappresentanza territoriale delle province, il numero massimo di 80 consiglieri, il limite dei due mandati per il presidente della Regione e il premio di maggioranza. Le modifiche sono state apportate grazie a un maxi-emendamento presentato da Pdl e dall’opposizione al progetto di legge del Pd. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    26 Ottobre 2012 - 18:06

    ma con tanti metri di pirellone.

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    26 Ottobre 2012 - 18:06

    ...vuol dire sempre che è già troppo tardi. Piuttosto perché non ABOLIRE DEFINITIVAMENTE E RETROATTIVAMENTE tutti questi vitalizi del cavolo che non rappresentano alcun merito o riconoscimento, merito o checché sia, ma solo una ingiustificata voce di spesa sui bilanci? Scusate ma la storia dei vitalizi siano essi dati alla Minetti o a chiunque altro mi fa girare le scatole. Se si avesse un minimo di mentalità manageriale lo si troverebbe un abominio, qualcosa al limite del criminale.

    Report

    Rispondi

blog