Cerca

Ombre democratiche

Vendola, Casini e le toghe
rovinano la vittoria a Bersani

In Sicilia il Pd perde voti e preoccupa il flop di Nichi (a rischio condanna): l'alleanza si sbilancia a favore dell'Udc. Ed Errani rischia il rinvio a giudizio

I centristi tifano per avere l'attuale premier ancora n sella dopo le prossime elezioni ma questo scenario non piace affatto ai democratici 
Pierluigi Bersani

Pierluigi Bersani

 

"La vittoria  c’è. E, come ha detto Pier Luigi Bersani, è un «risultato storico». Perché «un comunista alla guida della Sicilia», per dirla con il bindiano e calabrese Gigi Meduri, che scherza con alcuni ex Ds in un Transatlantico semideserto, è un inedito assoluto. Ma quella di Rosario Crocetta, candidato di Pd e Udc, è una vittoria, per  Bersani, con molte spine. La prima è il voto di lista: il Pd crolla al 13%, cinque punti in meno rispetto al 2008. Vero, come ha osservato il segretario del Pd, che bisogna sommare anche la lista di Crocetta. Ma anche nel 2008 ce n’era una del candidato. Eppure il Pd aveva preso più voti. La seconda spina, forse la più preoccupante, è poi l’exploit del Movimento Cinque Stelle, sommato all’astensione record", spiega Elisa Calessi su Libero di martedì 30 ottobre. E poi ce n'è una terza, di spina: la giustizia. Nichi Vendola rischia di essere condannato, e il suo flop in Sicilia (Sel ha preso appena il 3%) preoccupa il segretario democratico perché sbilancia l'alleanza (ipotetica) a favore di Casini (i centristi, inoltre, tifano per avere l'attuale premier in sella anche dopo le prossime elezioni). E la "spina giustizia" si arricchisce di un altro capitolo: Bersani, infatti, teme anche il rinvio a giudizio di Vasco Errani.

Leggi l'approfondimento su Libero di martedì 30 ottobre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tacos

    30 Ottobre 2012 - 13:01

    Porca l'oca ragassi, abbiam vinto le macchie del giaguaro?

    Report

    Rispondi

  • dariov68

    30 Ottobre 2012 - 11:11

    Crocetta va in giro con il megafoninio a gridare vittoria autoportandosi in trionfo manco avesse vinto la terza guerra punica. Dietro di lui l'allegra schiera dei Bersanini e Repubblicones che scuotendo maracas e tamburelli festeggiano in processione modello trenino di capodanno. Numeri alla mano, hanno "vinto" con i voti di meno del 15% dei siciliani. la stragrande maggioranza dei Siciliani li ha mandati cortesemente al diavolo. ma a loro non interessa..la poltroncina se la sono beccata..Dall'altra parte tuttavia lo spettacolo non è meno desolante e ridicolo..purtroppo. Che schifo e che miseria!!

    Report

    Rispondi

  • mania

    30 Ottobre 2012 - 11:11

    gode con poco bersani e ora mi spiego meglio come mai i conti siano così ostici per questo personaggio. in sicilia ha vinto solo chi non è andato a votare

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Ottobre 2012 - 10:10

    Ma quale successo? il 52 per cento degli elettori sono scappati schifati, tutti i partiti hanno raccolto solo le briciole. Con le briciole non si governa niente! Ma siamo sicuri poi che in una regione a forte infiltrazione mafiosa (eufemismo) quelli che hanno votato, nella maggior parte, non siano andati a votare perchè così dovevano. O questi dubbi sono reali solo quando vince il centro destra? Se i magistrati andassero a fondo a sinistra, così come fanno a destra qui ci sarebbe da divertirsi e da vomitare!

    Report

    Rispondi

blog