Cerca

Il rottamato

Bersani vuole Renzi ministro
Il rottamatore lo sbertuccia:
"Niente premi di consolazione"

Il leader Pd annuncia: "Non mi ricandido alla segreteria". Poi tende la mano a Matteo, che la rifiuta: "Se perdo alle primarie darò una mano, ma niente poltrone"

Bersani prova a "comprarsi" il nemico, che risponde picche. E dopo la proposta indecente (ri)afferma che mollerà la guida del partito
Matteo Renzi e Pierluigi Bersani

Renzi e Bersani

Pierluigi Bersani si fuma il toscano. Ma stavolta non è il sigaro. Stavolta Pierluigi prova a fumarsi Matteo Renzi (che risponde picche). A poche settimane dalle primarie non resta molto tempo. E il camper del giovane rampollo di palazzo vecchio che scorazza per tutta Italia fa innervosire il segretario. E allora che fare? Bersani si butta sull'ultima spiaggia e prova a imbarcare Renzi in un eventuale governo targato Pd. "Le primarie sono per scegliere il candidato premier, non per fare bilanci e bilancini. Io, come penso Renzi, non parto dal presupposto che il giorno dopo dobbiamo aggiustare le cose. Ma non ho remore ad immaginare che chi vota Renzi, Renzi stesso, poi possa essere utile al paese'', ha spiegato il segretario democratico. 

Renzi: "Non faccio il ministro" - La frase è equivoca. Se "Renzi stesso" può essere utile al paese non può che esserlo in un ruolo di comando, o di rilievo. Bersani, dunque, ha ormai buttato giù le carte e prova a "normalizzare" il nemico più preoccupante, cercando di addomesticarlo con un'offerta di quelle che non si possono rifiutare (un ministero? un ruolo di spicco nel prossimo esecutivo? Così la frase del segretario è stata interpretata dai più). Ma a tagliare corto ci ha pensato il rottamatore, che evitando i giri di parole e gli esercizi lessicali di Bersani è andato dritto al cuore della discussione: "Lo ripeto ancora una volta. Se noi perderemo le primarie saremo leali con chi le ha vinte. Staremo quindi al fianco di chi ha vinto, senza liste né giochi strani. Però io non farò né il ministro, né il sottosegretario, né il parlamentare. Credo infatti - ha aggiunto Renzi - che chi perde le primarie debba dare una mano a chi ha vinto, ma senza premi di consolazione".

Addio alla segreteria - Dopo la "proposta indecente" al suo diretto concorrente, Bersani ha poi chiarito il suo futuro da segretario del pd: "Comunque vadano le cose in ogni caso io resto segretario fino al prossimo congresso del Pd, nell’ottobre 2013. Le primarie, che non c'entrano con il congresso del Pd, sono fatte da tutti i progressisti per scegliere il candidato alla guida del governo del paese. L'anno prossimo ci sarà il congresso del Pd in forma apertissima e la notizia è - ha concluso - che io intendo finire li". No a un nuovo mandato come segretario del Pd, dunque. Anche su questo argomento, puntuale, è arrivata la battuta di Renzi: "Mi sembra che questa cosa Bersani l'abbia già detta"...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sorpasso

    06 Novembre 2012 - 11:11

    Bersani se la fa addosso, ora più che mai teme Renzi e cerca di "corromperlo" con offerte illusorie. Speriamo che le primarie non vengano inquinate!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    05 Novembre 2012 - 18:06

    Bersani se stai zitto fai più bella figura mentre se parli ... ti rovini! Fai parlare la Bindi .. se riesci a trovarla!

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    05 Novembre 2012 - 18:06

    L'accesso alla registrazione alle primarie del PD è qualcosa di.. allucinante..Ovviamente la nomenklatura di palazzo intende dissuadere la partecipazione dei normali simpatizzanti,..favorendo invece massiccimanete la partecipazione delle truppe cammellate.. incanalate tramite le gerarchie della CGIL, dalle case del popolo e dalla nomenklatura di palazzo. Hanno addirittura previsto che la capziosa registrazione debba essere "obbligatoriamente" effettuata presso apposito circolo (ai più sconosciuto, se non attraverso ricerche mappali complicate ed improbabili)corrispondente (cioè nelle vicinanze approssimative) al luogo di ubicazione della relativa sezione elettorale ufficiale delle politiche...Inoltre, le procedure, le firme, i tempi sono estesi, assurdi..Vorrei poi vedere cosa succederà nello spoglio..E quella sarebbe ..genuina democraziaa??..Ma per favoreee!!..Ma può anche darsi (lo spero vivamente!)..che si trasformi in bommerang..

    Report

    Rispondi

  • Nino38

    05 Novembre 2012 - 18:06

    Bersani è talmente sicuro di sè che, oltre a vincere le primarie,pensa di poter essere il capo del futuro governo. Poverino si illude, non si è reso ancora conto che vincendo Renzi verrà rottamato come promesso. Non ha nessuna speranza di poter stare ancora in parlamento. Nel caso, malagurato, che Renzi dovesse perdere, Bersani dovrà scendere a patto con Grillo che gli farà vedere i sorci verdi e sarà costretto a rinunciare al mandato.Signori parlamentari se non viene rifatta la legge elettorale,senza preferenze andrete tutti a casa poichè i voti degli scontenti andranno a Grillo. Annibale Antonelli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog