Cerca

Il rifiuto di Renzi

Un caffè con D'Alema?
"Sì, ma lo preparo io"

Il sindaco di Firenze sta attento e non si fida di "baffino". Gli ultimi botti di una campagna per le primarie al veleno

Tra i due non c'è mai stata pace. Ora, sotto le primarie, Renzi ripudia D'Alema e non si fida della sue mosse
Massimo D'Alema e Matteo Renzi

Matteo Renzi ha paura di bere il caffè come Sindona. Ieri ha concluso il suo tour elettorale in Sicilia in vista delle primarie. Intervistato da Alessandro Milan a Mattino24 su Radio 24, Alla domanda "prenderebbe un caffè con Massimo D'Alema?" ha risposto in modo piccato: "Sì, ma lo preparo io". Una di quelle frasi che davvero lasciano intendere parecchie cose. Renzi la butta in scherzo e precisa: "Lo preparo io perché D'Alema ha detto una frase che mi ha molto colpito. Lui è il presidente della Commissione Servizi segreti e ha detto: ‘quel ragazzo si farà male’. Se permettete, il caffè lo preparo io”. Insomma Renzi non si fida del Baffino, soprattutto da quando ha a che fare con i servizi segreti. Si sa che D'Alema è sempre stato l'eminenza grigia della sinistra italiana. Un'ombra della quale Renzi proprio non vuole sentir parlare. Come non vuole nemmeno mettersi al fianco di Rosario Crocetta appena eletto governatore del Pd. I due si erano già beccati subito dopo il voto siciliano. E in Sicilia Renzi ha cercato di sminuire il risultato dell'ex sindaco di Gela: "Auguro buon lavoro a Crocetta senza dimenticare però che l'astensione del 53% è il dato più significativo di queste elezioni regionali". Insomma il giovane rampollo di Palazzo Vecchio ne ha per tutti. E non le manda a dire. Ma mai chiedergli di fare due chiacchere davanti ad un caffè. Lui ama berlo in solitaria. Un po' come questa sua campagna per le primarie. Chissà se dopo il voto il caffè lo prenderà ancora dolce o amaro...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucia elena

    07 Novembre 2012 - 10:10

    dalema è un serpente velenoso da tenere lontano.Il tal signore ha sempre fatto da padre padrone e tutti i deboli sono caduti ai piedi della sua volontà. Essere di sinistra non vuol dire essere comunisti per cui lo ripudiamo e se devo dire tutta la verità che mi riguarda non ho mai subito il suo "fascino".Uomo prepotente sentimentalmente staliniano è ora di allonttanarlo dalla VITA POLITICA

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    07 Novembre 2012 - 10:10

    dalema è un serpente velenoso da tenere lontano.Il tal signore ha sempre fatto da padre padrone e tutti i deboli sono caduti ai piedi della sua volontà. Essere di sinistra non vuol dire essere comunisti per cui lo ripudiamo e se devo dire tutta la verità che mi riguarda non ho mai subito il suo "fascino".Uomo prepotente sentimentalmente staliniano è ora di allonttanarlo dalla VITA POLITICA

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    06 Novembre 2012 - 21:09

    mai fidarsi dei comunisti!

    Report

    Rispondi

  • marina58

    06 Novembre 2012 - 19:07

    mai accettare un caffè...ma neanche una caramella dagli sconosciuti!! figuriamoci...da un d'alema!! l'avvelenamento è...sicuro!! grazie!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog