Cerca

I diktat del comico

Sul blog Grillo compila
la black list dei giornalisti

Vietato partecipare ai talk show di Rai, Mediaset e La7: "Gente come Lerner, Fazio e Formigli sono i pretoriani dei partiti"

Sul blog Grillo compila
la black list dei giornalisti

L'insubordinazione dei grillini ha costretto il leader del Movimento Cinque Stelle a mettere nero su bianco le regole che devono seguire, soprattutto quando si parla di Tv. Sul blog di Beppe Grillo è apparso così oggi un vademecum per "tutti quelli che non capiscono, non tutti vogliono capire, i più disinformano a pagamento sui giornali e nei salotti televisivi controllati dai partiti". E su Facebook fa pure i nomi dei giornalisti sgraditi perché "nominati dai politici": "Lerner, Fazio e Formigli, per citare solo alcuni della truppa cammellata che imperversa nel piccolo schermo. Sono le nuova fate smemorine il cui compito è trasformare delle zucche vuote in statisti". Una "guida for dummies" per tutti coloro che hanno dubbi interpretativi, dietrologie, necessità di chiarimenti nel quale compila la sua black list: "E’ fortemente sconsigliata (in futuro sarà vietata) la partecipazione ai talk show condotti abitualmente da giornalisti graditi o nominati dai partiti, come è il caso delle reti Rai, delle reti Mediaset e de La7". Ma non solo. Grillo chiarisce anche i rapporti con Di Pietro: "Antonio Di Pietro ha la mia amicizia, ma il M5S non si alleerà nè con l'IDV, nè con nessun altro. Il M5S vuole sostituire il Sistema dei partiti con la democrazia diretta. In sostanza vuole la fine dei partiti basati sulla delega in bianco". 

Il vademecum inizia dalla lettera "E" come Elezioni: "chi sta svolgendo un qualunque incarico elettivo non può dimettersi per concorrere ad altre cariche elettive (es. chi è consigliere non può candidarsi a deputato, chi è senatore non può candidarsi a sindaco)"; E come Emolumenti: "gli eletti del M5S tratterranno per sé una parte degli emolumenti, oggi fissata in un massimo di 5.000 euro lordi, e restituiranno la rimanenza allo Stato"; E come Euro: "la decisione di rimanere nell'euro spetta ai cittadini italiani attraverso un referendum, questa è la mia posizione. Io ritengo che l'Italia non possa permettersi l'euro, ma devono essere gli italiani a deciderlo e non un gruppo di oligarchi o Beppe Grillo". Alla P si parla di Primarie: "nel M5S non ci saranno primarie (non si votano leader o leaderini) per le elezioni politiche, ma la scelta di portavoce per la Camera e per il Senato. Il loro compito sarà l'attuazione del Programma elettorale in stretta collaborazione attraverso la Rete con la gli iscritti". R come Remissione del mandato: "il consigliere, il sindaco o il parlamentare non ha alcun obbligo di rimettere il mandato periodicamente (ad esempio ogni sei mesi). Nel caso questo avvenisse deve essere preceduto da un'informazione pubblica e dettagliata del suo operato sul portale del M5S con una votazione estesa a tutti gli iscritti del Comune e della Regione di rifermento, o dell'intero corpo elettorale in caso del Parlamento". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sommesso49

    06 Novembre 2012 - 20:08

    Il consiglio di Grillo ai suoi di disertare le trasmissioni televisive non appare tanto peregrina. Secondo me ha ragione in quanto il movimento cinque stelle sta combattendo una rivoluzione democratica non nei salotti ma nelle strade e attraverso la rete. E' un movimento che opera non nelle retrovie o nelle trincee, bensì in prima linea. E la prima linea non è la televisione dove bivaccano i soliti giornalisti, opinionisti della calzettaovvero i politici in cerca di notorietà. Grillo sta combattendo una nuova resistenza, un nuovo partigianesimo (mi scuso per il neologismo) che non possono nè devono confondersi con gli strilloni televisivi. Si verrebbe a perdere l'effetto sorpresa. La batosta all'attuale politica sicuramente verrà data alle prossime elezioni.

    Report

    Rispondi

  • albettone

    06 Novembre 2012 - 20:08

    Sig. Grillo (si potrebbe dire "grillino" se non fosse per la stazza), le auguro ogni bene e mi auguro di sbagliare ma, purtroppo, il suo comportamento apparentemente denota gravi anomalie psichiche o sclerotiche. Per il suo bene, provi a piantarla e prendersi un periodo di riposo!

    Report

    Rispondi

  • maverick100

    06 Novembre 2012 - 15:03

    Questo è il livello a cui si è ridotta la politica italiana. Fare politica significa andare da vespa, floris, santoro, formigli , paragone , del debbio, lerner.

    Report

    Rispondi

  • lui976

    06 Novembre 2012 - 15:03

    Nessuno è obbligato a candidarsi nel M5S. Chi non è d'accordo, perché non fonda un proprio partito? Voglio vedere senza Grillo quanta visibilità avrebbero. Vai Beppe!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog