Cerca

L'esercito di dimenticati

Esodati, beffati e umiliati:
un anno dopo lo schiaffo
mancano ancora dati e soldi

Salta l'emendamento per estendere la copertura ai "beffati" dalla riforma di Elsa Fornero. Secondo la Commissione le coperture proposte sono "inadeguate"

Elsa Fornero

Elsa Fornero

 

"Renato Brunetta assicura che lunedi prossimo arriverà in aula una legge di stabilità «riscritta con equilibrio». Nell’attesa, ieri in commissione Bilancio è andata in scena l’ennesima puntata dell’interminabile telenovela sugli esodati. La tagliola dell’inammissibilità ha infatti colpito anche l’emendamento approvato all’unanimità (non presente Giuliano Cazzola) dalla commissione Lavoro per estendere la salvaguardia dei lavoratori rimasti in mezzo al guado a causa della riforma delle pensioni messa a punto dal ministro Elsa Fornero. Per rendere sostenibile l’esborso il testo prevedeva l’introduzione di prelievo del 3% oltre i 150mila euro di reddito e una clausola di salvaguardia basata sull’aumento delle accise sulle sigarette. Coperture giudicate «inadeguate» dalla commissione. Stessa sorte è toccata ai due emendamenti presentati dal deputato del Pdl, Cazzola. Uno sulla ricongiunzione contributiva onerosa, l’altro sempre sugli esodati, ma in una versione più soft, attraverso la possibilità anche per gli uomini di accedere fino a tutto il 2015 alla pensione di anzianità secondo il sistema contributivo come già previsto per le donne. L’economista, esperto proprio di lavoro e previdenza, parla di bocciatura politica più che tecnica", spiega Sandro Iacometti su Libero di mercoledì 7 novembre. Di fatto è saltato l'emendamento per estendere la copertura ai "beffati" dalla Fornero. Esodati e umiliati, insomma: dopo un anno dallo schiaffo della riforma, mancano ancora sia i dati sia i soldi. 

Leggi l'approfondimento su Libero di mercoledì 7 novembre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallalalla

    08 Novembre 2012 - 01:01

    mi rivolgo al signore che crede privilegiati gli esodati: hanno lavorato come Dipendenti versando 40 di contributi e IRPEF. Beata ignoranza !!! per il resto: tecnici e deliquenti !!! Confermo ai lavoratori in regola: zero A giuliano amato wanted: molto danaro.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    07 Novembre 2012 - 16:04

    Eccoli i meravigliosi risultati delle politiche 'casiniane' e 'bersaniane'. Fini & affini non è neppure da prendere in considerazione. Basta ed avanza quanto gli è successo ai funerali di Pino Rauti. Peccato che per altri non sia possibile usare i mezzi spicci dei 'camerati' presenti alla cerimonia funebre. Si commetterebbe vilipendio alle istituzioni. Ma Berlusconi è stato sottoposto a linciaggio mediatico, giudiziario e per certi versi anche fisico. Per liberarci dalle varie oppressioni, al limite della dittatura, per altri non basterebbero simili 'gentili metodi'!

    Report

    Rispondi

  • fslm-milano

    07 Novembre 2012 - 15:03

    Oltre ad essere ,al momento, beffa per gli interessati è una vergogna nazionale ed internazionale.In patria dovrebbero vergognarsi, ministro di settore, tecnici ministeriali , governo,parlamento e Presidente della Repubblica a diversi gradi di responsabilità.All'estero tutti quelli che hanno rioonosciuto generosa credibilità a questo esecutivo.Tecnici da numeri ballerini e virtuali, più in generale.

    Report

    Rispondi

  • encol

    07 Novembre 2012 - 11:11

    Dei prof. tentenna non se ne salva uno. Ciò che dicono oggi viene smentito il giorno seguente. A volte ( di lunedì) vedono le luci in fondo al tunnel per scoprire il giorno seguente che si trattava di un locomotore lanciato a folle velocità. La ripresa è vicina: forse no- Da 9 mesi queste sono in sostanza le balle giornaliere ma di tagliare STIPENDI, SPRECHI, VITALIZI ,- NON SE NE PARLA -.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog