Cerca

Oggi il tavolo sulle regole

I nodi: delegati e numero di firme

Si discute se prevedere i delegati o introdurre il principio una testa un voto; le firme necessarie per candidarsi potrebbero essere ridotte a cinquemila

Dopo il via libera alle primarie, restano da sciogliere alcuni nodi, tra cui se prevedere delle consultazioni popolari a cui partecipano i delegati, stile americano, oppure se lasciarle aperte a chiunque intenda votare. Altro nodo, il numero delle firme necessarie per la presentazione delle candidature, che potrebbero essere ridotte a 5mila. Al momento, quindi, il tavolo delle regole non ha preso nessuna decisione definitiva, anche per le perplessità sul modello americano sollevate da alcuni esponenti del partito, tra cui gli ex An - non Alemanno però - che preferirebbero le primarie sulla falsa riga di quelle del Pd. Slitta la presentazione delle candidature, inizialmente fissate per la data ultima del 19 novembre. Tra le ipotesi, la possibilità di raccogliere le firme per le candidature anche online. Ogni decisione sarà presa nella giornata di giovedì, quando alle 12 il tavolo delle regole sarà chiamato a votare il testo finale, con eventuali emendamenti, per poi passare al via libera definitivo dell’ufficio di presidenza, convocato alle 14 e 30. Resta il tetto di spesa di 200 mila euro per la campagna elettorale   dei candidati alla premiership 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog