Cerca

Crisi del partito

Di Pietro, dopo Donadi si dimette il segretario toscano

Dopo un'infuocata assemblea il partito perde un altro pezzo: l'ex capogruppo nel gruppo misto

E ora il gruppo autonomo dell'Idv alla Camera è a rischio: sceso al di sotto del numero minimo di componenti, la sua sopravvivenza del dipende da una deroga di Fini, che sembra intenzionato a rifiutarla
Di Pietro, dopo Donadi si dimette il segretario toscano

 

Si fa sempre più teso il clima all'interno dell'idv dopo il caos seguito alla servizio di Report e dopo le dimissioni del capogruppo Donadi. Ieri durante una riunione del partito, si è arrivati a questa conclusione: Antonio Di Pietro resta, Massimo Donadi no. L’ex pm ha avuto la meglio in quello che nel partito è stato definito un "redde rationem" necessario. Donadi si avvia dunque a lasciare l’Idv (in giornata annuncerà il suo passaggio nel gruppo misto) dopo che la sua linea è uscita sconfitta dalla riunione di deputati e senatori del partito. Una riunione durata oltre cinque ore e terminata solo dopo la mezzanotte. Tra le altre risoluzioni, quella che il congresso dell’Italia dei Valori si terrà soltanto dopo gli appuntamenti elettorali regionali e nazionali.

Partito allo sbando Antonio Di Pietro ha evitato i giornalisti al termine dell’incontro. Massimo Donadi, invece, si è concesso a telecamere e microfoni come aveva fatto anche i serata, prima dell’inizio del confronto: “Di Pietro ha presentato la sua linea. Devo dormirci su, domani prenderò le mie decisioni”, ha detto il deputato che ha voluto poi fugar ogni dubbio sulle ipotesi di un passaggio al Pd: "Non va neanche preso in considerazione”, ha aggiunto sottolineando tra l’altro che “sono sei mesi che Di Pietro dice che ci accorderemo con il Pd, eppure non succede nulla”. In giornata i deputati dell’Idv torneranno a riunirsi per eleggere il nuovo capogruppo. Antonio Borghesi, già facente funzioni dopo le dimissioni di Donadi, sembra il più probabile successore. E ieri mercoledì 7 novembre, si è dimesso  da segretario dell'idv toscano anche Fabio Evangelisti: con il suo addio i deputati Idv scendono a diciannove, la soglia minima per essere gruppo autonomo. La decisione di Evangelisti, "è conseguenza diretta dei deliberati   dell’ultima riunione dell’Ufficio di presidenza de l’Italia dei   Valori, là dove si dice che è ormai necessario avviare una nuova   fase costituente, aperta al contributo di figure ed espressioni della   società civile, per costruire un nuovo soggetto politico. Per fare   ciò, non v'è dubbio, servono energie fresche e grandi entusiasmi.   Caratteristiche che, al momento, non mi riconosco", ammette. E conclude: "Questo partito - prosegue Evangelisti - ce la può ancora fare.  Ha però bisogno di qualche bel gesto e anche di un bagno d’umiltà.   Per quanto mi riguarda, stasera porterò la mia bacinella d’acqua alla  causa comune. Un caro saluto e l’augurio delle migliori fortune". Nella mattinata di giovedì 8 novembre si è dimesso anche Nello Formisano.

Gruppo a rischio -  Con le dimissioni di Evangelisti l'Idv scende al di sotto della soglia minima (20 componenti) per aver diritto al gruppo autonomo alla Camera. I dipietristi dovranno chiedere una deroga a Gianfranco Fini per non perdere lo status, ma dagli ambienti vicini all'ufficio di presidenza della Camera provengono rumors di segno negativo: non ci sarebbero le ragioni, specie in un momento di taglio della spesa pubblica, di tenere in piedi un gruppo parlamentare in via straordinaria. La domanda, posta in altri termini, è: perché spendere milioni di euro per mantenere in vita un gruppo parlamentare solo per pochi mesi? Mentre al Senato Felice Belisario tiene salda la truppa, nella camera bassa si fa concreto il rischio di dover confluire nel gruppo misto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Maria Adelaide

    31 Ottobre 2014 - 17:05

    Reporter fu registrato e montato ad arte per eliminare politicamente Di Pietro perché aveva fatto tanto da riuscire a costringere il governo a costituirsi parte civile nel processo sulla trattativa Stato/mafia e stava lottando perché le intercettazioni telefoniche tra Mancino e il presidente Napolitano venissero utilizzate durante il processo, le registrazioni furono immediatamente distrutte.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    08 Novembre 2012 - 13:01

    Chi di spada ferisce..........

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    08 Novembre 2012 - 13:01

    vorrei fare una domandina a di pietro e ai suoi sodali fra cui un avvocato suo strenuo difensore. Esiste una differenza giuridica fra una associazione di natura privatistica che si chiama idv composta da di pietro, mazzoleni (che non sarebbe sua moglie) e mura (la fidata tesoriere) e il partito idv di pietro? Se esiste questa differenza come mai i rimborsi elettorali venivano fatti all'associazione dei tre compari. L'organo che inviava i danari sul c/c dell'associazione, si è mai posto il quesito che i due organismi erano 2 cose differenti? Se ciò si è verificato non sarebbe ipotizzabilie un reato di truffa?.Poichè di pietro ha querelato a destra e a manca se è così certo che report ha gettato fango perchè non fa una bella denuncia?

    Report

    Rispondi

  • satanik

    08 Novembre 2012 - 11:11

    sembra il PDL

    Report

    Rispondi

blog