Cerca

Proposta shock

Maroni, tu vo fà il siciliano:
"Statuto speciale in Lombardia"

Il segretario nella sua corsa al Pirellone ha un'idea:"Lo statuto siciliano in Lombardia".E intanto si rivede in Beppe Grillo:"Lui come me"

Maroni lo vorrebbe in tutte le regioni del nord governate dalla Lega. Un progetto federalista che può avere basi siciliane
Roberto Maroni

Roberto Maroni già prima delle elezioni regionali in Lombardia propone di cambiare lo statuto. E non ne vuole uno qualunque. Vuole lo Statuto siciliano. "Lo statuto della Regione Sicilia   è straordinario, vorrei averlo in Lombardia e vorrei che ci fosse in   tutte le Regioni del nord". Beh se a dirlo è il segretario della Lega nord, bisogna riflettere. Maroni alimenta il sogno federalista proponendo una Lombardia a "Statuto speciale". E su come applicarlo ha le idee chiare: "Tra le altre cose - precisa Maroni -tutte le tasse pagate in Sicilia devono rimanere in Sicilia: non è mai stato applicato, ma se ce l’avessimo noi in Piemonte, Lombardia, Veneto e   nelle altre Regioni, assicuro che sarebbe applicato". Parole non da poco. Maroni mette in luce due punti. Il primo è quello che considera la Sicilia come un modello per il suo impianto legislativo, tanto da volerne importare le regole statutarie. L'altro punto è che indirettamente Maroni riconosce una debolezza del sistema siciliano. Le tasse pagate da Palermo a Ragusa spesso prendono il volo per Roma, uccidendo di fatto l'autonomia concessa dallo statuto. Maroni vuole fare il siciliano. Ma in questa sua Lega 2.0 dopo gli scandali dei mesi passati non si ispira a Giuseppe La Loggia, padre dell'autonomia siciliana. Maroni si specchia in uno che gli ricorda tanto i suoi inzi. "Grillo mi ricorda noi 20 anni fa. La differenza è che noi avevamo un grande progetto che in parte dobbiamo ancora realizzare dato che il sistema ha degli anticorpi: Grillo mi sta simpatico", aggiunge. Ma attende Beppe alla prova dei fatti: "La democrazia è un sistema imperfetto - dice Maroni - dato che  non manda al governo solo chi ha 3-4 lauree, come vediamo col Governo   Monti, con i risultati poi sono quelli che sono". Per Maroni se Grillo  vincerà, sarà chiamato a governare. "Vedremo allora cosa saprà   fare", ha prescisato il segretario della Lega Nord. Intanto mentre si prepara a correre verso il Pirellone sogna lo statuto siciliano. E chissà arancine e cassatine per dessert alla mensa dei dipendenti regionali.

.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberopensiero77

    12 Novembre 2012 - 09:09

    Infatti l'articolo 116, terzo comma, della Costituzione, prevede che le Regioni a statuto ordinario possano promuovere una intesa con lo Stato allo scopo di far approvare dalle Camere uno Statuto con particolari forme e condizioni di autonomia, compreso il coordinamento della finanaza pubblica e del sistema tributario, del resto già materia di legislazione concorrente delle Regioni. Maroni quindi, forse sta abbandonando il sogno velleitario di un'unica regione del Nord (secondo me si possono accorpare al massimo 5-6 regioni, ma non ridurle solo a 3, è tecnicamente e politicamente impossibile ...), per una ipotesi più praticabile di Regioni del Nord a statuto speciale. Ma quì sta il punto: perchè solo le Regioni del Nord? Quelle del centro e del Sud sono più fesse? La verità è che per riequilibrare il sistema fiscale fra le Regioni bisognerebbe che tutte diventassero a Statuto autonomo, in modo che non ci siano più differenze basate sul nulla, ma solo sull'efficienza ...

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    11 Novembre 2012 - 07:07

    A MARO'. MA SAI COSA TI DICONO DA ROMA? MA VAI A FARE IN C......... HAI CAPITO FINALMENTE? "TESTA DI CERNIA".

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    10 Novembre 2012 - 22:10

    Caro Maroni , in questi momenti di crisi pensi ancora allo spezzettamento dell'Italia? Il federalismo ha creato solo confusione e protagonismo da parte di molti Enti locali che hanno badato solo ad aumentare la spesa pubblica, aumenti di tasse e servizi sempre più carenti.In questo modo è aumentata ancora più la corruzione e le tangenti.

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    10 Novembre 2012 - 20:08

    sarebbe anche ora..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog