Cerca

Furbetti a 5 Stelle

I grillini in Sicilia: "Rinunciamo al rimborso". Altra gaffe da propaganda: quei soldi non gli spettavano

L'ex candidato governatore Cancelleri annuncia: "Non prenderemo il milione e mezzo di euro". Ma da luglio la legge è cambiata: finti tonti o astuti?

Nuove regole per i rimborsi elettorali: non sono più "un voto-un euro", e per le regionali sono in totale "solo" 15 milioni. In più, il partito deve chiederli in anticipo
I grillini in Sicilia: "Rinunciamo al rimborso". Altra gaffe da propaganda: quei soldi non gli spettavano

di Paolo Emilio Russo

Sarà l'inesperienza, o magari che il potere logora in fretta chi lo raggiunge senza troppa fatica, in fila indiana e muto dietro ad un comico: fatto sta che i grillini hanno fatto l'ennesima gaffe coi soldi pubblici. Giancarlo Cancelleri, ex candidato alla presidenza della Regione Sicilia del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, ha annunciato per mercoledì 14 novembre la sua prima mossa: "I cittadini a 5 Stelle si presenteranno davanti ai cancelli con la gigantografia di un assegno che reca la cifra di 1.426.000,00 euro". La cifra, secondo il futuro capogruppo, sarebbe quella del rimborso elettorale. Cancelleri e i suoi amici, però, sono rimasti un po' indietro. Come scrivono nella loro nota sono arrivati alla cifra molto importante calcolando "un 1 euro a voto per 5 anni che fa 5 euro, moltiplicato per il numero delle preferenze espresse".

Legge cambiata - Dallo scorso luglio, però, le regole per i rimborsi sono cambiate. Non solo non c'è più la proporzione "un voto, un euro", ma i contributi non sono più automatici, per ottenerli bisogna richiederli. Per le Regionali con le nuove regole saranno a disposizione di tutti i partiti e in tutte le Regioni, suddivisi in proporzione rispetto agli abitandi, "soltanto" 15 milioni di euro. Inutile, quindi, annunciare, come hanno fatto i grillini siciliani, di avere spedito una lettera ufficiale alla Camera dei deputati e all'Ufficio di presidenza dell'Assemblea regionale siciliana per rinunciare ai fondi. Bel gesto, ma superfluo. Peggio: propagandistico. A meno che non si tratti di semplice ignoranza delle leggi. Del resto non è la prima volta che i dirigenti del M5S, che della lotta alla Casta hanno fatto il nucleo del loro programma, cadono proprio sui rimborsi elettorali. Già nel 2010, quando riuscirono ad eleggere consiglieri regionali in Piemonte e in Emilia Romagna, caddero nel primo errore. Dopo la proclamazione degli eletti, infatti, si dimenticarono di rinunciare ai fondi pubblici dovuti in Emilia, come era previsto dalle regole di allora. Soltanto una volta scoperti dalla stampa si prodigarono a porre rimedio. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • estremista

    14 Novembre 2012 - 12:12

    avete fatto bene a togliere l'articolo dalla home page! Magari se la prossima volta non volete fare altre figure barbine evitate di scriverli certi articoli!

    Report

    Rispondi

  • mariolartigiano

    14 Novembre 2012 - 10:10

    Ammesso e non concesso che, per quanto riguarda il regolamento, le cose stiano come è riportato sull'articolo, le norme avrebbero comunque permesso al M5S di accedere a quei rimborsi facendo opportuna domanda nei modi e nei tempi previsti. Il Movimento stesso non ha fatto domanda in quanto il suo "non Statuto" prevede di non usufruire dei rimborsi elettorali, facendo dunque risparmiare lo Stato, giusto? A meno che la casta degli altri partiti non si sia premunita per fare incetta anche dei rimborsi che nella realtà sarebbero andati ai 5 stelle... Sarebbe interessante che faceste una ricerca in tal senso invece di "creare la notizia" dove notizia non c'è!!!

    Report

    Rispondi

  • mariolartigiano

    14 Novembre 2012 - 09:09

    Ammesso e non concesso che, per quanto riguarda il regolamento, le cose stiano come è riportato sull'articolo, le norme avrebbero comunque permesso al M5S di accedere a quei rimborsi facendo opportuna domanda nei modi e nei tempi previsti. Il Movimento stesso non ha fatto domanda in quanto il suo "non Statuto" prevede di non usufruire dei rimborsi elettorali, facendo dunque risparmiare lo Stato, giusto? A meno che la casta degli altri partiti non si sia premunita per fare incetta anche dei rimborsi che nella realtà sarebbero andati ai 5 stelle... Sarebbe interessante che faceste una ricerca in tal senso invece di "creare la notizia" dove notizia non c'è!!!

    Report

    Rispondi

  • maverick100

    14 Novembre 2012 - 02:02

    E ovviamente gli altri partiti non hanno fatto richiesta vero? Dai fateci fare quatto risate "furbetti di libero" PDL, PD e tutti la miriade di liste e listini NON hanno fatto richiesta vero?

    Report

    Rispondi

blog