Cerca

Furia a 5 Atelle

Beppe Grillo parla ai poliziotti:
venite con noi a picchiare la Casta

Con un post sul suo blog il leader del Movimento 5 Stelle incita la polizia alla rivoluzione 
Beppe Grillo

Giornata di autunno. Caldo. Ragazzi in rivolta, studenti in piazza, fumogeni, mazze da baseball su poliziotti inermi e la solita non-rivoluzione. Ma Beppe Grillo entra nella bagarre col suo blog e ha una visione: poliziotti, studenti, e precari tutti insieme con le mazze a mettere in fuga la Casta. L'ultimo post di Grillo è un invito alla rivolta bella e buona. Beppe parla direttamente con un poliziotto qualunque e gli dice: "Chi stai difendendo? Chi è colui che colpisci a terra? Un ragazzo, uno studente, un operaio? E' quello il tuo compito? Ne sei certo? Non ti ho mai visto colpire un politico corrotto, un mafioso, un colluso con la stessa violenza". Grillo richiama il poliziotto: "E' una guerra, non ancora dichiarata, tra le giovani generazioni, una in divisa e una in maglietta, mentre i responsabili stanno a guardare sorseggiando il tè, carichi di mega pensioni, prebende, gettoni di presenza, benefit. Soldato blu non ti senti preso per i fondelli a difendere l'indifendibile, a non schierarti con i cittadini?". E allora il leader del movimento cinque stelle invita il poliziotto a colpire con il manganello i politici e a mettersi dalla parte della protesta. "Togliti il casco e abbraccia chi protesta, cammina al suo fianco. E' un italiano, un'italiana come te, è tuo fratello. è tua sorella, qualche volta, come ieri per gli operai del Sulcis, un padre che ha sputato sangue per farti studiare. Sarà un atto rivoluzionario". Grillo invita dunque le forze di pubblica sicurezza a passare dall'altro lato della barricata. Sembra di leggere fra le righe un invito alla rivoluzione. Al golpe. Di sicuro Grillo parla ancora una volta parla alla pancia dei suoi elettori. Con la solita dose di populismo.



 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioant

    21 Novembre 2012 - 16:04

    si potrebbe iniziare dai piccoli comuni per finire alle grandi città,basta organizzarsi e non far vivere più in pace sti papponi e i loro famigliari e amici,bisogna organizzarla la lotta nei minimi dettagli e agire,mai improvvisare o avvertire prima.

    Report

    Rispondi

  • alfredido1

    21 Novembre 2012 - 14:02

    Per poter capire le cose bisogna andare agli estremi. Grillo ha obiettivi sani : 450 Parlamentari, fine dei finanziamenti ai Partiti,ridimensionamento dei privilegi innumerevoli della casta. Naturalmente la casta che dovrebbe mettere in atto queste modifiche trova mille ed una scusa per ritardare,insabbiare,dimenticare. Difendono con sordida bramosia i proopri privilegi. Quindi tutti insieme per demolire la casta. Dopo la demolizione ricostruire con gente diversa ; diversa nella cultura e nell'animo,gente capace di rifiutare perfino l'idea di trarre profitto dalla posizione; gente che sappia accontentarsi della giusta mercede lavorando per il bene di tutti. .

    Report

    Rispondi

  • thankspeter

    21 Novembre 2012 - 13:01

    Potrebbe essere una buona idea.

    Report

    Rispondi

  • borotalco

    21 Novembre 2012 - 12:12

    ci dica piuttosto per quale lobby di potere trama!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog