Cerca

Lettera alla Fornero

Mughini: "Non toccate la mia pensione ricca per salvare gli esodati"

Far pagare il pasticcio a chi prende 3mila euro lordi al mese è una violenza ideologica. L'assegno adeguato ai soldi versati è un diritto sacrosanto

Il principio che sia giusto tosare senza pietà chi è oltre il livello minimo di reddito è degno della peggior Cgil
Mughini: "Non toccate la mia pensione ricca per salvare gli esodati"

di Giampiero Mughini

Caro governo, cari ministri, cari addetti al gran debito pubblico italiano, c’è stato un momento - pochi giorni fa - in cui da cittadino di questo nostro doloroso Paese mi sono detto: «Ma è possibile che vogliano ancora rompermi i coglioni?». 

Mi riferisco al momento in cui sui giornali è trapelata la notizia che, pur di parare il disastro provocato dall’oceano di “esodati” di cui non vi eravate accorti al momento di varare la riforma pensionistica, voi avevate messo nel conto di molestare fiscalmente le pensioni che arrivano all’inenarrabile cifra di 3.000 euro lordi mensili e oltre, ossia le pensioni di chi guadagna qualche spicciolo in più di 2.000 euro netti al mese o addirittura magari 3.000 euro netti, e anche qualcosa in più. Gente effettivamente che se la spassa dalla mattina alla sera, un continuum di ostriche in tavola, di sgualdrine ansimanti sotto le lenzuola, di viaggi esotici in prima classe, di vestiti griffati dalla testa ai piedi. 

A questa tribù di gaudenti voi volevate togliere qualcosa, magari qualcosina, l’importante era togliere. Un po’ lo facevate per necessità, molto per demagogia. Una dannata demagogia tutta italiana che minaccia un giorno sì e l’altro pure chi ha lavorato e meritato.

Arrivo subito al punto. Il punto è che una pensione da tremila o quattromila o seimila euro lordi mensili non è un regalo che lo Stato ha elargito a gente raccomandata da una loggia massonica. È un reddito procrastinato che il pensionato si è pagato lira per lira, ricongiungimento per ricongiungimento, con l’eventuale riscatto della laurea, con l’eventuale versamento dei contributi previdenziali quando era disoccupato. Lira dopo lira, questo è il mio caso di pensionato che arriva a circa 6.000 euro lordi mensili. I cui relativi contributi avevo pagato tutti per più di trent’anni e senza mai godere di un qualche “scivolo” o “regalo” o sconto qualsiasi. Pagati tutti su uno stipendio che era elevato (non elevatissimo) dato che nel mio mestiere di giornalista in un giornale di punta non ero l’ultimo cretino del bigoncio. Pagati quando lavoravo le domeniche o le festività, i giorni in cui sono tantissimi gli italiani che vanno sulle spiagge ad abbronzarsi. Pagati all’Enpals quando andavo a chiacchierare in tv, e anche se quelli erano contributi che rendevano meno perché si trattava di una pensione supplementare. Una rapina da cui non potevo difendermi perché pagare i contributi Enpals è obbligatorio anche da parte di chi ha una sua pensione fondamentale. 

Ecco come s’è venuta a formare quella cifra maestosa di 3.600 euro netti al mese su cui non vorrei che mi rompeste i coglioni, cari amici del governo. A me come ai tanti che stanno alla mia latitudine professionale. Ossia di gente che ha fatto bene per 30 o 40 anni un lavoro limpido su cui ha pagato tutti i balzelli che c’erano da pagare, e che dal quel lavoro ha ricavato un reddito procrastinato che si chiama pensione. Chiaro o no?

Toglietevela dalla testa ogni idea alla maniera della Cgil, ossia che tutti coloro che in fatto di reddito sono poco oltre la paga media operaia siano dei gaudenti da tosare più di quanto vengano già tosati. Quello di cui sto parlando è un principio morale, o meglio un principio costituzionale. Sacro quanto la libertà di espressione o il «no» alla pena di morte. Il principio che non puoi togliere a nessuno, e a parte la ovvia e sacrosanta progressività del prelievo fiscale, quello che lui s’è guadagnato con il suo lavoro o con la qualità del suo lavoro. Il fisco deve essere progressivo, certo, e un contribuente onesto lo sa in queste settimane la pena che ti costa assolvere i doveri fiscali di una Paese stremato come l’Italia. Poi basta con le vessazioni, o con le rotture di coglioni e per dirla in greco antico. Basta. Chiaro, amici del governo? Buon lavoro a voi tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • il leghista monzese

    16 Novembre 2012 - 18:06

    Ho iniziato a lavorare (e pagare i contributi) nel 1959 alla catena di montaggio, andando a scuola la sera, per 5 anni. Nel 1966 sono stato per 3 mesi a Firenze a ricondizionare gli elettrodomestici alluvionati dei Fiorentini. Lavoravamo 12 ore al giorno Sabati e Domeniche compresi, tanto che la mia busta paga di quei periodi era già di quasi 700.000 lire nette, quindi si calcoli Lei quanti contributi già allora versavo. E da li poi ho continuato a progredire ricoprendo posizioni lavorative sempre più importanti e sempre più retribuite alle quali corrispodevano ovviamente contributi versati sempre più importanti. Gli ultimi dieci anni della mia vita lavorativa (TOT 40)percepivo uno stipendio lordo mensile di quasi 12 milioni che mi lasciavano un NETTO di poco più di 6 Si calcoli Lei quanta SOLIDARIETÀ POSSO AVER FATTO!! Ora dalla mia pensione mi vengono trattenuti 16.000 E di IRPEF+altri 1600 di add Reg. oltre che essermi stato tolto l'adeguamento. LE SEMBRO UN EGOISTA??SALUDOS

    Report

    Rispondi

  • ziociro0

    16 Novembre 2012 - 14:02

    ci hanno tolto l'indicizzazione ora cercano di tagliarci quel poco che dopo 41 anni di lavoro portuale i miei contributi li ho versati e tra tasse e contributi il mio stipendio lordo era di 8500000 di vecchi lire ma a me entravano 5 penso di avermela pagata la mia pensione ma il signor amato per prendere 35000 euro di pensione quando versava?????????????????se li ha versati?????????????

    Report

    Rispondi

  • eovero

    16 Novembre 2012 - 11:11

    mandatelo a lavorare x davvero!!!vivono dicendo quattro parole qui e quattro la....che schifo..

    Report

    Rispondi

  • jubard

    16 Novembre 2012 - 11:11

    Ecco un caso lampante di egoista! la parola "Solidarieta" non sa cosa sia,il fatto che la crisi colpisca soprattutto i meno abbienti a lui non frega niente, e come lui ce ne sono tanti....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog