Cerca

Botta e risposta

Premier 2013, meglio il Monti bis delle "idiozie" di Vendola e Grillo
Belpietro: "No, l'asso è Draghi"

Un lettore scrive a Libero: "Con il professore almeno saremmo seri". Il direttore: "Berlusconi scelga il capo della Bce"

L'editoriale di Belpietro: "Cavaliere, molla amazzoni e primarie e buttati sul Mario europeo. Con lui in campo non ce ne sarebbe per nessuno"
Premier 2013, meglio il Monti bis delle "idiozie" di Vendola e Grillo
Belpietro: "No, l'asso è Draghi"

Mario Monti e Mario Draghi

Monti bis o non Monti bis? Un dubbio che attanaglia l'Italia, a partire da Montecitorio e Palazzo Madama giù giù fino ai bar di provincia. In ballo c'è il futuro dell'Italia, in senso letterale: l'alternativa è consegnare le chiavi del potere ancora una volta ai tecnici, con grande coalizione a supporto (e corollario di tasse, pochi tagli, impasse politica a ogni pie' sospinto) oppure ridare la parola ai partiti, che (anche per convenienza) si sono fatti parzialmente da parte nell'ultimo anno? Il rischio in questo caso è chiaro: va bene partiti, ma quali e quali coalizioni? Un lettore di Libero, Emanuele, ha scritto al direttore Maurizio Belpietro spiegando che, dopo tutto, è meglio Monti piuttosto che "un Grillo o un Nichi Vendola, con tutte le sue idiozie mentali". Detto che il centrodestra è a pezzi, il programma di Vendola prevede "tasse sui ricchi, tasse sugli scudati, tasse sui capitali itenuti all'estero, tasse, tasse!". Coi grillini, invece, "nessuna esperienza e uscita dall'euro". Non buone prospettive, e così è meglio il male minore: Monti, appunto, che se non altro darebbe il tempo all'Italia di agganciarsi al treno dell'Europa e aspettare che passi la nottata. "No, caro Emanuele", risponde Belpietro nel suo editoriale su Libero in edicola oggi, giovedì 15 novembre. "Monti ci lascia un debito alle stelle, Pil ai minimi e zero riforme serie su giustizia, lavoro e spesa pubblica". Il vero dinosauro nel cilindro (per dirla alla Berlusconi, ndr) è Mario Draghi: "Il capo della Bce è stimato dai mercati e piace ai moderati. Il Cavaliere molli amazzoni e primarie e lo candidi: con lui in campo non ce ne sarebbe per nessuno".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giancgazz

    23 Novembre 2012 - 18:06

    E' l'uomo dei babnchieri ,ha svenduto l'Italia quando era nella Goldman Sachs,ed era acapo della cosidetta Banca d'italia che dell'Italia non è malgrado il nome . Signori sveglia

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    19 Novembre 2012 - 00:12

    Ma per favore! Questo sembra il gemello dell'altro burattino...è un banchiere, e al di là di quello che dice OGGI se fosse al governo farebbe nè più nè meno quello che conviene all'euro e all'europa...ricordate che lui è quello dell'euro IRREVERSIBILE,quindi un altro fanatico. Belpietro non dire cazzate.

    Report

    Rispondi

  • passerotto65

    16 Novembre 2012 - 09:09

    MAGARI venisse un'uomo così

    Report

    Rispondi

  • calogiurifrancesco

    16 Novembre 2012 - 08:08

    Chiunque vada al Governo vorrei avesse,finalmente,la possibilità di mettere in pratica il suo programma di governo fino alla fine.Se l'idea di Draghi è davvero quella di operare tagli profondi nella spesa pubblica è chiaro che non ci sono dubbi,ma bisogna vedere chi possa sostenerlo: i vecchi partiti ,come vediamo,di tagli alla spesa non vogliono saperne,per cui Draghi dovrebbe avere un suo partito,che lo supporti senza esitazione fino in fondo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog