Cerca

Convergenze parallele

Alfano e Bersani d'accordo: Niente al Monti bis
Casini: "Mai dire mai"

Angelino: "Non voglio immaginare a novembre 2013 la stessa maggioranza di adesso". Pier: "Non ci scommetterei un centesimo": Napolitano: "Col fallimento non si scherza"
Alfano e Bersani d'accordo: Niente al Monti bis
Casini: "Mai dire mai"

Non solo tensioni sull'election day e la possibile sfiducia al governo Monti. Su almeno un punto Angelino Alfano e Pierluigi Bersani per ora sembrano d'accordo: no al Monti bis. "Non voglio immaginare a novembre 2013 la stessa maggioranza di adesso", dice il segretario Pdl alla tavola rotonda della Cna all'Univtersità Bocconi a Milano. Un'ipotesi su cui, aggiunge poi il segretario del Partito democratico, non "scommetto nemmeno un centesimo". "Invito tutti alla cautela - li fredda l'altro ospite illustre sul palco, il leader dell'Udc Pierferdinando Casini -, io certamente penso che non ci sarà un governo sostenuto assieme da Berlusconi e da Bersani, su questo non c'è dubbio. Ma già qua siamo tre persone diverse, cercherei di lasciare qualche margine alla provvidenza, che a volte opera...".

Il monito di Napolitano - Un'esigenza resta comunque, secondo i più, quella di dare continuità all'agenda Monti. "Sento troppe aree politiche dentro il Pd ma anche nel Pdl che sulla continuità con l’agenda Monti la pensano in modo opposto - sottolinea Casini - e qui non si va alla soluzione dei problemi, al contrario, ed è qui che ci dividiamo". Parole in linea con il monito lanciato in mattinata dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: "Non possiamo giocare" con il rischio fallimento "qualunque governo ci sia". "Ci sono 80 miliardi di interessi da pagare in un anno" e "questi sono i modi in cui uno Stato può fallire". E quando, a margine del suo intervento agli Stati Generali della Cultura, gli chiedono dell'eventualità di voto anticipato, il presidente taglia corto: "Di questo ora non parlo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nevenko

    15 Novembre 2012 - 19:07

    ci sarà ancora un governo simil-tecnico viste le teste di rapa che si propongono a governare.Patetici, è il minimo che si possa dire.

    Report

    Rispondi

  • Federico di Hohenstaufen

    15 Novembre 2012 - 19:07

    Ma chi è sto Casini che con meno del 6% dei voti riesce a influenzare sia il PDL che il PD ? e perchè me lo devo sopportare in ogni TG ? Credo sia anche ora che si faccia da parte visto che è 40 anni che è al governo ed è un artefice dell'attuale crisi

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    15 Novembre 2012 - 18:06

    Avrebbero dovuto farlo cadere già da tempo e poi casini non conta una sega:

    Report

    Rispondi

  • encol

    15 Novembre 2012 - 16:04

    Giorgio I° incazz...,immagino, per le sue scelte non può fare altro che recitare il mea culpa e, nel più concreto, rinunciare a tutti i privilegi suoi e del palazzo. Per inciso il colle costa quanto l'Eliseo e Buckingham palace messi insieme. Alle prediche di questo tipo occorre seguire con i fatti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog