Cerca

Samorì

L'uomo del Cav inizia male: "Una patrimoniale che colpisca i super-ricchi"

"Il terzo uomo più ricco d'Italia" esce allo scoperto con le sue proposte:"tassa su chi è veramente ricco"

Il "Berlusconi di Modena" scende in campo per le primarie del Pdl e si presenta con una patrimoniale su chi ha  più di  dieci milioni di euro di patrimonio
Giampiero Samorì

Giampiero Samorì non usa giri di parole: "Una patrimoniale sulle persone che sono veramente ricche che hanno più di  dieci milioni di euro di patrimonio". Il "terzo uomo più ricco d'Italia", il "Berlusconi di modena", se dovesse vincere le primarie del Pdl nel suo programma avrebbe una patrimoniale. Samorì quindi comincia a parlare di ciò che vuole fare se dovesse diventare leader del Pdl. "Ho preparato tutti i testi normativi -prosegue- li farei   sottoscrivere a tutti i candidati, li presenterei in Parlamento e dopo 30-60 giorni porrei la fiducia. Si riduce il debito pubblico andando a prendere i   soldi dove ci sono, in tutte le fondazioni bancarie e non bancarie. Fanno parte del patrimonio della nazione, in un momento in cui si ha   il coraggio di sterilizzare le pensioni da mille euro, come si fa a non prendere i soldi dalle fondazioni? Non è legittimo finchè non   c'è una norma che lo rende legittimo, quando c'è una norma, anche costituzionale che lo rende legittimo diventa legittimo". Samorì propone poi "di acquisire, in riduzione del debito le riserve patrimoniali auree della Banca d’Italia". E lancia anche un messaggio anticasta: "Vorrei  chiedere al presidente Napolitano, che oggi ha fatto un intervento   molto bello sulla riduzione dei costi dello Stato, se non si pone il   problema di come mai il Quirinale come istituzione costi il doppio di   quello che costa Buckingham Palace o l’Eliseo". Samorì confida nelle sue possibilità e guarda avanti con fiducia: ""Penso di avere un programma dalle  idee chiare, la capacità psicofisica di realizzarle, voglio provare a  fare il presidente del Consiglio". La sfida per le primarie è ufficialmente cominciata. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eam77

    04 Dicembre 2012 - 14:02

    (continuazione n.2)per farsi inizialmente anche solo ascoltare. Si allargherà rapidamente la platea della gente che sarà magneticamente attratta a d ascoltare le novità.Per fare tutto ciò bisogna aggregare candidati, oltre che concretamente propositivi,abbiano il dono carismatico di suscitare curiosità d'ascolto.Ciò e' tanto più importante se si pensa al poco tempo che si ha a disposizione. Sono sicuro che funzionerebbe. Con auguri e cordialità.

    Report

    Rispondi

  • eam77

    04 Dicembre 2012 - 13:01

    E' ancora possibile recuperare consenso da parte del PDL.Come? Certe condizioni sono ovvie: unità, contenuti del programma, rinnovamento della classe dirigente, giovani. Ce n'è però un'altra, trascurata ma non ultima per mia lunga esperienza di lavoro.Essa consiste nel modo di esporre i contenuti del programma. Come si può catturare prima la curiosità e poi il consenso ? Mettendo da parte il politichese, i chiacchierologi, il linguaggio veloce, il dire e il non dire,il girare intorno alle domande senza rispondere, il dire "a mio avviso", " secondo me"senza saper costruire un discorso rigorosamente logico, completo di prove ed esempi che non si prestino a facile critica. Ho sentito portare esempi per abbattere il debito pubblico. Ci hanno riso sopra tutti. Io no. Ci ho riflettuto un'intera giornata e ho trovato il ragionamento che dimostrava la bontà delle idee. Questo bisogna fare: convincere la gente con un linguaggio e con argomentazioni nuove ed efficaci (continua)

    Report

    Rispondi

  • encol

    18 Novembre 2012 - 09:09

    Devi farti conoscere per questo occorre finire sui giornali un giorno si e l'altro pure. Le idee ci sono, puoi farcela ma la gente deve anche conoscere a chi dare la propria preferenza.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    17 Novembre 2012 - 19:07

    Vedo che lei non è quell'insensibile mostro che ha cercato di dimostrare di essere. L'ho contraddetta in due occasione, ma l'ultima sua riflessione finale mi trova totalmente d'accordo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog