Cerca

Il testo in Commissione

Diffamazione, multa per il direttore e carcere per il giornalista

L'ultimo emendamento prevede una multa per il direttore e il carcere per il giornalista che diffama, ma non se è stato sospeso oppure radiato

Alessandro Sallusti e Renato Farina

Alessandro Sallusti e Renato Farina

 

Carcere sì, ma solo per il giornalista che verrà condannato per diffamazione (ma non, nel caso, Renato Farina: ve ne diamo conto nel resto dell'articolo). Niente detenzione, invece, per il direttore del giornale, che sarà punito con una multa che fluttua tra i 5 e i 50mila euro. Questo è quanto previsto da un emendamente al ddl diffamazione, il cosiddetto salva-Sallusti, dal relatore e preseidente della Commissione Giustizia del Senato, Filippo Berselli (Pdl). Resta così il carcere fino a un anno in alternativa alla multa per i giornalisti sul quale il Senato si era già pronunciato, con voto segreto e favorevole (galeotta fu la Lega Nord).

La mediazione - Con questo emendamento Berselli prova una nuova mediazione tra le forze politiche: "Mi aspetto ora che la Lega e l'Api (anche Rutelli votò a favore del carcere, ndr) si riconoscano in questo emendamento e ritirino la richiesta di voto segreto per le altre due proposte di modifica che restano e per l'intero articolo 1 del provvedimento", ha dichiarato Berselli. Nell'emendamento, in sostanza, si afferma che il carcere, per il giornalista che viene accusato di diffamazione resterà. Il senatore del Pdl ha spiegato: "Questo non ho poututo cambiarlo, perché l'aula si era già espressa in tal senso. L'assemblea ha detto sì al carcere per i giornalisti, e quindi io, benché personalmente contrario, non ho potuto cambiare le cose su questo fronte". 

Il "salva-Farina" - L'emendamento, inoltre, prevede che se invece nella commissione del reato non c'è il dolo, ma soltanto la colpa, la multà sarà dai 2mila ai 20mila euro. Con questo emenadmento, di fatto, si allontana il carcere per Alessandro Sallusti. Ma nonostante il possibile carcere per il giornalista diffamatore, come detto, si salverà anche l'altra penna coinvolta nel "caso-Dreyfuss" che ha innescato l'intera questione. Infatti, "qualora l'autore sia ignoto o non identificabile, ovvero sia un giornalista professionista sospeso o radiato dall'ordine, si applica la pena della multa da 3mila a 30mila euro". Questo emendamento, modificato nel pomeriggio di martedì 20 novembre, sarà esaminato dall'aula del Senato giovedì prossimo, data in cui la conferenza dei capigruppo ha messo all'ordine del giorno il ddl diffamazione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino-DePedis

    21 Novembre 2012 - 14:02

    parlamentare italiano, ex giornalista radiato, ha usurpato il nome di un vero martire della giustizia che si chiamava Alfred Dreyfus per scrivere un articolo falso e diffamatorio. il personaggio siede uno degli scranni del parlamento, e nelle file del Pdl. complimenti vivissimi per i Vostri Rappresentanti.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    20 Novembre 2012 - 22:10

    Le due facce della stessa medaglia! Una medaglia al valor diffamatorio!!! Uno schifo immenso!!!E questa la chiamate nazione democratica!!!!!!!???????????

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    20 Novembre 2012 - 21:09

    Con la scusa di emendamenti e postille varie cercano di correggere leggi che non sanno nemmeno loro presentare. Fino ad oggi ho visto solo leggi interpretabili a seconda di cosa si vuole, ad personam. L'italiano è una bella lingua, bastano poche parole per definire un concetto che in 'politichese' diventa un fascicolo incomprensibile a buona parte dei media.

    Report

    Rispondi

blog