Cerca

Brevetti e politica

"Italia che lavora", Silvio deposita il logo a Bruxelles

Berlusconi registra il marchio della possibile lista di imprenditori. Ma ci sono anche altre due sigle

A Berlusconi piace l'idea di una lista che guidi la riscossa del mondo tartassato e a cui non è stato nulla di quanto promesso per la crescita e lo sviluppo.
"Italia che lavora", Silvio deposita il logo a Bruxelles

"Avrà anche fatto un passo indietro in Italia, ma nell’ultimo mese Silvio Berlusconi ne ha fatti tre in avanti in Europa, dando tutt’altro che l’impressione di un pensionato della politica. Il fondatore del Pdl ha infatti registrato tre nuovi marchi politici, che si aggiungono a quelli depositati prima dell’estate (Grande Italia e Granditalia, entrati in conflitto con i sughi Star). In tutti e tre i casi ha bussato alla porta dell’ufficio per l’armonizzazione del mercato interno dell’Unione europea, che protegge marchi e brevetti del vecchio continente.  È  lì che il 23 ottobre scorso ha depositato e registrato dopo molte incertezze il marchio che nei suoi piani potrebbe trasformarsi in una lista degli imprenditori da affiancare al Pdl per le prossime elezioni politiche. Si chiama “l’Italia che lavora”, ed è la sigla preferita da Berlusconi, quella più evocativa". Il Cavaliere non ha nessuna voglia di farsi da parte, ma deposita il marchio della sua prossima creatura. E' questo il retroscena che racconta Franco Bechis sul numero di Libero oggi in edicola. A Berlusconi piace l'idea di una lista che guidi la riscossa del mondo tartassato e a cui non è stato nulla di quanto promesso per la crescita e lo sviluppo.

Leggi l'articolo integrale di Franco Bechis
su
Libero in edicola oggi, giovedì 22 novembre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pidocchio

    23 Novembre 2012 - 10:10

    Ti ringrazio per la lezioncina sull'importanza degli imprenditori, suprattutto perché dimostra in modo lampante come tu non abbia capito nulla (o forse fingi di non capire?). Io non ho detto che gli imprenditori non debbono esistere, né che sono dannosi. Ho detto, e lo ripeto, che NON DEVONO ASSUMERE CARICHE POLITICHE, e le ragioni le ho spiegate. Oltretutto, guarda caso, proprio ieri un'ulteriore prova di quanto sostengo è comparsa sui giornali: quel tale imprenditore, condannato in cassazione al pagamento di svariate centinaia di milioni (naturalmente dalle solite toghe rosse), che fa? FA PRESENTARE DAI SUOI SERVITORI UN EMENDAMENTUCCIO CHE AGGINGE UN QUARTO GRADO DI GIUDIZIO!!! Alla faccia dello snellimento della giustizia! E se gli andassemale anche lì, magari si potrebbe pensare a un quinto, sesto, settimo grado ecc... Che dire, non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. P.S. Io non sono comunista, sono anarchico.

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    22 Novembre 2012 - 16:04

    ma lo fate apposta a pubblicare queste foto nelle quali appare come una mummia andata a male e in preda alla dissenteria ? volete suscitare pietà anche nei sinistronzi ???

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    22 Novembre 2012 - 16:04

    va bene che per voi berlusconiani la raltà è qualcosa che si può piegare a proprio uso e consumo e la menzogna e la mistificazione sono attrezzi di lavoro ma vorrei proporle di contestare ciò: 1) il debito pubblico l'ha fatto la DC fino al 1980, poi la DC con il vostro amico Craxi fino al 1994. Non risultano, almeno se non nella vostra immaginazione, fino a quella data governi o ministri del PCI. 2) I vari governi berlusconi hanno aggravato il debito pur governando ininterrottamente più di Andreotti, Fanfani e Moro messi insieme 3) i governi berlusconi, diversamente dai governi Prodi, han sempre goduto di maggioranze inimmaginabili purtroppo utilizzate per riforme ad uso e consumo del "mostro di Arcore" o per stabilire le parentele di Mubarack!!! 4) vero che a settembre/ottobre 2011 il più grande statist del secolo dichiarava che" la crisi in Italia non c'è perché i ristoranti son sempre pieni..." ? Un po' di obiettività non vi farebbe male, bananas !

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    22 Novembre 2012 - 13:01

    il titolo mi sembra azzeccato; anche chi si prostituisce lavora, anche il priapo che se ne fa 8 lavora, anche chi ruba o da o si dare le mazzette lavora, anche chi chiede le tangenti lavora, anche i suoi difensori che devono arrampicarsi sugli specchi lavorano e più di tutti lavorano i BANANAS che lo difendono e postano su libero e FANNO LA FIGURA DEI FESSI E COGLIONI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog