Cerca

CASTA AL BAR

Sicilia, alla regione camerieri nababbi
Per loro doppio stipendio per fare un caffè

Banconisti e uomini in giacca bianca e papillon per servire ai tavoli percepiscono un salario dalla ditta che ha vinto l'appalto e 1800 euro mensili pagati dai contribuenti

Li chiamano "graditi". Sono i privilegiati dell'Ars. Preparano spremute e guadagnano troppo
Sicilia, alla regione camerieri nababbi
Per loro doppio stipendio per fare un caffè

Alla Regione siciliana si leccano i baffi. Sià i deputati che mangiano alla buvette dell'Ars, a Palermo, sia chi serve dal bancone e chi in giacca bianca serve ai tavoli. I camerieri e i banconisti della buvette guadagnano davvero tanto. Per portare trofie al pesto su un tavolo occupato dai consiglieri regionali, e per preparare un caffè al presidente, i camerieri percepiscono un doppio stipendio. Esattamente in gergo vengono chiamati "graditi", come spiega Giancarlo Cancelleri sul blog del M5S siciliano. La storia è semplice. La buvette della regione ha un menù vasto. Patti tipici siciliani, piatti etnici, arancine e pezzi di rosticceria, spremute, caffè e nero d'avola per deliziare il palato dei consiglieri. Ma i prezzi sono davvero bassissimi. Mantenere un prezzo così basso non è semplice. E allora come fare? Semplice. Basta far pagare lo stipendio dei camerieri anche ai siciliani e non solo alle ditte di catering che gestiscono, dopo aver vinto l'appalto la buvette della regione. Se per dieci anni un un cameriere riesce a lavorare ininterrottamente a Palazzo D'Orleans anche con ditte diverse matura il diritto al doppio stipendio. Diventa "gradito" insomma. Così oltre a percepire il salario erogato dalla ditta per cui lavora si becca altre 14 mensilità di 1800 euro ciscuna direttamente dalle casse della regione. Guadagna molto meglio di qualunque impiegato pubblico. Ma per garantire ulteriormente un caffè a 45 centesimi, un primo + secondo+frutta+bibita e caffè a soli 11 euro la regione sborsa altri 31000 euro mensilmente alla ditta che si è aggiudicata l'appalto. Più di 300mila euro all'anno vanno nelle casse delle ditte che gestiscono la buovette. Tutti soldi pagati dai contribuenti siciliani. Dunque lavorare come cameriere a Palazzo D'Orleans è come avere un piccolo pezzetto di paradiso. Pagato dai siciliani. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • karlettogd

    27 Novembre 2012 - 06:06

    Figurati quando il M5S entrerà in Parlamento quanta sporcizia uscirà ... . Sempre che anche M5S non ci prenda gusto. Ed il fatto che sia uscita questa cosa non vuol dire che venga sistemata, cioe' annullare questi benefici. Da molti anni parlando della Sicilia ci sono cose che non vanno , ma sono ancora li. Nulla e' stato fatto e a questo punto che si arrangiano senza chiedere finanziamenti da parte dello stato.

    Report

    Rispondi

  • fumonero

    26 Novembre 2012 - 23:11

    mentre ci sono delle famiglie senza lavoro che muoino di fame. noi italiani siamo solo dei bla bla bla.

    Report

    Rispondi

  • pat.en1965

    26 Novembre 2012 - 20:08

    Figurati quando il M5S entrerà in Parlamento quanta sporcizia uscirà. Occhio che faranno di tutto per bloccarli proprio per rimanere con tutti i benefici. M5S continuate così....il mio voto è vostro da ex Pdl

    Report

    Rispondi

  • rosablulibero

    26 Novembre 2012 - 18:06

    Se accettiamo gli stipendi di Befera, Mastrapasqua & co. senza insorgere cosa volete che siano i doppi stipendi. Doppio stipendio, doppio voto di scambio. Sono certo che Crocetta metterà le cose a posto..................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog