Cerca

Riforma Monti

Sanità, la pagheremo
Ecco come sarà

Le cure saranno pagate in base al reddito: tagli per 26 miliardi e addio ticket 
Sanità, la pagheremo 
Ecco come sarà

 

Con il governo Monti anche la sanità pubblica così com'è oggi potrebbe diventare un lusso. "Il momento è difficile e la crisi ha impartito lezioni a tutti, il sistema di cui andiamo fieri potrebbe non essere più garantitop" ha detto il premier Mario Monti durante una conferenza stampa a Palermo. Parole che ovviamente hanno scatenato il putiferio e su cui è arriva una precisazione da Palazzo Chigi che garantisce che la sostenitbilità del servizio pubblico è garantita. "Per il futuro è però necessario -spiega la nota -   individuare e rendere operativi modelli innovativi di finanziamento e   organizzazione dei servizi e delle prestazioni sanitarie”.  “In sintesi - si legge- il presidente non ha messo in questione   il finanziamento pubblico del sistema sanitario nazionale, bensì,   riferendosi alla sostenibilità futura, ha posto l’interrogativo   sull'opportunità di affiancare al finanziamento a carico della   fiscalità generale forme di finanziamento integrativo. Inoltre, egli   ha voluto sollecitare la mobilitazione di tutti gli addetti ai lavori,  così come degli utenti e dei cittadini, per una modernizzazione e un   uso più razionale delle risorse”.

Quanto pagheremo Le parole del presidente del consiglio sono probabilmente da mettere in relazione con il progetto del ministro della salute Renato Balduzzi di una  uova forma di compartecipazione dei cittadini. Si basa su una franchigia che sarebbe del tre per mille. Per chi guadagna ad esempio 20 mila euro sarebbe di 60 euro, o di 300 per chi ne guadagna 100mila all'anno. Il cittadino dunque pagherebbe la prestazione sanaitaria con tariffe simili a quelle dei ticket fino a raggiungere la franchigia. Ma al ministero per evitare che qualcuno, una volta raggiunto il proprio limite massimo di spesa, possa richiedere prestazioni a quel punto grauite, che non servono e generare una spesa inutile, si pensa a un ticket per far contribuire chi fa visite o esami inappropriati. Ma da solo questo sistema non basta. Biosognerà fare grossi interventi di risparmio delle Regioni da cui i servizi saniatari rischiano di riuscire ridimensionati. E magari sarà necessario aumentare le persone con un'assicurazione sanitaria che nel nostro Paese sono 11 milioni. 

Balduzzi precisa  Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, dopo le polemiche sollevate dalle dichiarazioni del premier interviene e dice: "Mi preme precisare che il   Governo attualmente crede che il Servizio sanitario sia economicamente  sostenibile attraverso operazioni di riorganizzazione e  ristrutturazione che non sono tagli ai servizi, ma sono la loro   ottimizzazione. Se continuiamo a parlare di tagli del Governo,  ingeneriamo nell’opinione pubblica una situazione di incertezza".    Balduzzi ha comunque ribadito la necessità di ristrutturare il   sistema. Se non si troveranno alternative, infatti, "dal 1 gennaio del  2014, sulla base di scelte effettuate nel 2011 dal precedente Governo,  noi avremo 2 miliardi di nuovi ticket aggiuntivi. Personalmente - ha   ripetuto - penso che questo non sia sostenibile. Sarebbe insostenibile  per il sistema, insostenibile per i cittadini, insostenibile in sé in  quanto incentiverebbe molti cittadini ad andare a cercare altri nuovi   ticket. Alcuni farebbero fatica a pagarli e quindi verrebbe messo in   discussione proprio il loro accesso al diritto alla salute, altri  andrebbero a cercarsi la soddisfazione delle prestazioni altrove, nel   privato, e questo finirebbe per diminuire e indebolire il servizio   sanitario nazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    01 Dicembre 2012 - 22:10

    Ma perchè la compartecipazione non ce la da il Parlamento dimezzando il numero dei Parlamentari prima che possano usufruire del nuovo vitalizio?

    Report

    Rispondi

  • loredanaberetta

    01 Dicembre 2012 - 13:01

    Perchè dobbiamo pagare noi le cure di tutti i disperati che vengono in Italia scappando da loro paese, mi spiace per loro, per le guerre e la povertà, ma se si continua così saremo anche noi poveri e in guerra, perchè dobbiamo dare tutto agli Zingari , sanguesuga ladri e fruttatori che hanno impestato il ns bellissimo paese facendolo diventare la loro discarica, che non fanno null'altro che derubarci mandare in giro a chiedere l'elemosina i loro figli e storpiando adulti comprati, con in nostri soldi, all'estero per indurli a chiedere l'elemosina per poi portarle via tutto lasciandole solo una ciotola di minestra, per poi andarsene in giro con macchinoni costosissimi, ma entrano in ospedale e fanno analisi gratuitamente, mentre mio suocero deve pagare il ticket? ..... non si può continuare a tirare il sangue agli Italiani non ne abbiamo più.....

    Report

    Rispondi

  • Didimo1

    01 Dicembre 2012 - 10:10

    Meno male che ho preso la scelta giusta di lasciare l'Italia!!!!

    Report

    Rispondi

  • vittoriorossi

    01 Dicembre 2012 - 07:07

    Usciamo dall'euro e torniamo a stampare la nostra lira.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog