Cerca

Promesse da marinaio

Il bluff di Grillo: ai suoi deputati stipendi da nababbi

Il leader del Movimento Cinque Stelle scrive le regole per i futuri deputati: indennità dimezzata, ma restano tutti i benefit. Che tradotto vuol dire un risparmio per ogni onorevole di soli 2.500 euro

Il bluff di Grillo: ai suoi deputati stipendi da nababbi

 

La guerra ai benefit della casta di Beppe Grillo è solo un bluff. Una volta eletti i futuri deputati del Movimento Cinque Stelle ne beneficeranno come tutti gli altri. La loro busta paga conterrà infatti uno stipendio di 5000 euro lordi, più tutti i bonus accessori. A scriverlo, nero su bianco sul blog, lo stesso Grillo: “L’indennità parlamentare percepita – si legge – dovrà essere di 5 mila euro lordi mensili (oggi è pari a 10.435 euro lordi mensili), il residuo dovrà essere restituito allo Stato insieme all’assegno di solidarietà (detto anche di fine mandato). I parlamentari avranno comunque diritto a ogni altra voce di rimborso tra cui diaria a titolo di rimborso delle spese a Roma, rimborso delle spese per l’esercizio del mandato, benefit per le spese di trasporto e di viaggio, somma forfettaria annua per spese telefoniche e trattamento pensionistico con sistema di calcolo contributivo”.

Un risparmio irrisorio - E così il risparmio netto per ogni onorevole si tradurrà in circa 2500 euro. Troppo poco per il consigliere regionale Giovanni Favia che su Fb scrive: "Non vorrei che la differenza tra un parlamentare tradizionale ed uno 5 Stelle sia 14.000 contro 11.000 euro mensili". "E' come se io - spiega -, oltre al mio stipendio autoridotto (2.700 euro, ndr), mi tenessi la diaria a forfait di 2.200 euro netti mensili. Non sono d'accordo. La politica è abituata ai rimborsi a forfait, le aziende a pie' di lista. Noi del M5S ci siamo sempre comportati come i secondi. Sono certo si tratti di un malinteso". "La nostra parola d'ordine - ricorda - è togliere i soldi dalla politica, in nome di passione, onore e servizio civile. Levare l'osso al cane, è la medicina per ripulire la politica e per riconoscere gli approfittatori. Chi pensa che non basti uno stipendio pulito da 3.000 euro, più i rimborsi 'a ricevuta', più le convenzioni per vitto ed alloggio, più le card gratis per viaggiare in treno aereo, etc... può anche non candidarsi con noi". Secondo il consigliere regionale Favia, ogni spesa dovrà essere certificata con scontrini e fatture, e andrà evitato qualsiasi tipo di rimborso fisso.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    29 Novembre 2012 - 23:11

    BUFFONE !!! Quanto finirai di prendere in giro i creduloni di giovani ? Ritorna in gabbia che è meglio.

    Report

    Rispondi

  • bornfree

    29 Novembre 2012 - 19:07

    Ma la gente non é mica scema... Se proprio volete dirne male, trovate argomenti giusti. Ma questo...Penosi.

    Report

    Rispondi

  • satanik

    29 Novembre 2012 - 17:05

    "Non gliene frega niente del Paese, pensa solo ai soldi suoi. Queste buffonate travestite dal peggior qualunquismo del secolo sono cose che si vedevano nei fumetti e ora le vediamo in politica. Poi lo sanno tutti che in politica si fanno i soldi brutti, quindi?"

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    29 Novembre 2012 - 17:05

    faceva le battutine in RAI , quelle battutine sui politici che fanno male per finta, a leccare il c ulo dei potenti (pubblici che ripagavano c on ingaggi milionari, pubblici) . e la RAI e' pubblica. no? Finita la pacchia coi soldi pubblici (della gente) non ha lavorato piu', quindi ha fatto il politico qualunquista. Ha capito adesso? E ci voleva tanto?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog