Cerca

I nipoti di Almirante

Lo sbando degli ex An: i colonnelli divisi, Fini ai margini, Storace al 2 per cento

I colonnelli nel Pdl osteggiati dai cugini forzisti, Fini ormai fuori dai giochi. E Storace dice: "Io non me li riprendo"

Lo sbando degli ex An: i colonnelli divisi, Fini ai margini, Storace al 2 per cento

Disorientati e divisi come gli esponenenti dei partiti della Prima Repubblica nel 1994. Solo che loro, gli eredi dell'Msi, i reduci della diaspora di Alleanza Nazionale, non sono stati travolti da un fiume di incheste giudiziarie, ma si sono smembrati in una serie lunga tre lustri di scelte strategiche e di posizione. Al momento, quelli che ieri erano raccolti sotto la sigla di An sono divisi in almeno tre gruppi: ci sono i colonnelli rimasti nel Pdl, quelli di Francesco Storace che nel Pdl nel 2007 non vollero entrare, infine Gianfanco Fini e i suoi che dal Pdl sono usciti nel 2010.

La confusione dei colonnelli - Ignazio La Russa, Maurizio Gasparri, Altero Matteoli, Gianni Alemanno: sono loro i "pesi massimi" ex-An ancora nel partito di Silvio Berlusconi. Ma non dormonon sonni tranquilli. La possibilità, vagheggiata a lungo e mai verificata, di uscire a loro volta dal Popolo della Libertà si è trasformata in un boomerang: da minaccia ai cugini forzisti, a incoraggiamento ad andarsene dei cugini forzisti. Basta sentire cosa detto dalla amazzone Micaela Biancofiore: "Gli ex-An che volevano emanciparsi da Berlusconi per salvarsi la poltrona, dovranno andarsene". Una stilettata del genere mentre i colonnelli si riposizionano nei confronti dello stesso premier Mario Monti. Si prenda il caso di Matteoli: nel giro di tre mesi è passato dal dire "Questo governo ha fatto abbastanza per rimpiangere la politica" a "il professor Monti è una personalità di rilievo, nulla contro di lui". Ma la grana più grande per i colonnelli si chiama Giorgia Meloni, la giovane ex ministro, che con la decisione di candidarsi (e battersi) per le primarie del centrodestra si è posta in contrapposizione con la guida La Russa e la sua battaglia strategica con il segretario Angelino Alfano.

Atene piange, Sparta non ride -  Se i colonnelli sono preoccupati, Fini e Italo Bocchino sono disperati. La sortita del 2010, con la rottura con Berlusoni e la nascita di Fli, si è rivelato un buco nell'acqua. Naufragata l'ambizione di divenire il partito di riferimento dei conservatori "europei" d'Italia, abortito il Terzo Polo con l'Udc di Pierferdinando Casini e l'Api di Francesco Rutelli, ridotti ai minimi termini nella struttura del movimento, ora a Gianfranco&co tocca ammiccare al segretario Alfano per pietire una nuova alleanza. L'ultimo sondaggio Ipsos sull'orientamento al voto degli italiani vede Fli al 2 per cento, come La Destra di Storace. Con la differenza l'ex ministro della Salute han maggiori possibilità di contrattare l'alleanza con il Pdl e può permettersi di dire alla Stampa: "Gli ex-An non li accolgo, casa mia è piccola e loro sono abituati ada avere appartamenti più comodi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • opzionemib0

    01 Dicembre 2012 - 13:01

    questi minchioni avevan0i una maggioranza schiacciante e non hanno fatto una minch....ia di riforma vera. devono sparire .SPARIRE! questi buoni a nulla.

    Report

    Rispondi

  • gaudi2752

    30 Novembre 2012 - 16:04

    per anni hanno illuso milioni di persone ed ora il centro destra è alla canna del gas,squallido fini, berlusconi caduto in un fondo senza fine. Solo Francesco Storace si salva, sempre rimasto attaccato alle sue idee. Se fosse vivo mi piacerebbe un commento dell'Onorevole Almirante su questa destra italiana. Poveretti la loro morte politica ogni giorno di più si avvicina e non si sono ancora accorti che tutto il mondo gli ride dietro.

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    30 Novembre 2012 - 16:04

    depenalizzazione del falso in bilancio, ex cirielli, rogatorie, legittimo impedimento ecc ecc. dato che non ho voglia di esporle tutte(sono più di 30) ti posto un link. http://www.meetup.com/sanremobeppegrillomeetup/pages/TUTTE_LE_LEGGI_'AD_PERSONAM'_DI_BERLUSCONI da buon coglione destroso, comunque, ti dimentichi chi ha portato i governo a questo punto, in tutto il mondo sarebbe chi ha governato fino all'altro ieri, ovvero voi...

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    30 Novembre 2012 - 16:04

    Il vecchio MSI quello fascista aveva un pregio inconfutabile: era chiaramente di destra. Poi sono venuti i colonnelli che hanno fatto l'alleanza con chi voleva la secessione, con chi sputava sulla bandiera italiana. Dissero che era una evoluzione, la destra moderna. Hanno perso tutto compreso l'onore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog