Cerca

Primarie grilline

La protesta dei candidati: "Beppe ci ha cancellato dalle liste"

Tre nomi fatti fuori dal listone dei candidati alle "parlamentarie" cinque stelle. Un'epurazione ancora una volta in salsa bolognese. Il M5S continua a fare pulizia

Continuano le epurazioni a cinque stelle. Fatti fuori anche tre candidati alle primarie del movimento. E' sempre più bufera in casa Grillo
Beppe Grillo

Epurati dalle parlamentarie Al secondo giorno delle primarie online del Movimento cinque stelle per le candidature al Parlamento scoppia ancora una volta il caso Bologna. Ivano Mazzacurati, Alessandro Cuppone e Lorenzo Andraghetti, sono scomparsi dalle Parlamentarie imposte da Grillo per l’Emilia-Romagna. I tre attivisti, in regola con tutti i requisiti, sono stati esclusi dalle liste. Andraghetti aveva già pubblicato online un video di presentazione della candidatura. E così Federica Salsi ha colto l'occasione per protestare ancora una volta contro il movimento. "Queste persone -ha detto La Salsi- avevano a tutti gli effetti i requisiti. Mi piacerebbe che Grillo, Casaleggio o lo staff dessero delle motivazioni chiare su determinate esclusioni". Poi la consigliera comunale è tornata sulla sua denuncia di ieri per le minacce di morte ricevute su Facebook. "La maggior parte adesso -ha aggiunto la Salsi- sono persone che esprimono solidarietà e rimangono comunque stupite che si sia arrivati a toni di questo tipo. C’è sempre chi è comunque critico nei confronti del mio operato e continua a chiedersi cosa ci faccio nel Movimento 5 stelle. Ho aderito ad un movimento politico che porta avanti contenuti che io ho condiviso. In alcuni casi sono stata e continuerò ad essere critica perchè ci sono cose che non condivido o penso siano da verificare. Nel momento in cui ci sono problemi credo sia opportuno affrontarli, non credo siano motivi di uscita dal Movimento poi si vedrà quello che succede in futuro". insomma la Salsi va avanti per la sua strada. Accada quel che accada. 

Vogliono farci fuori Intanto Grillo piange ancora miseria. E' preoccupato per la nuova legge elettorale. "E' in atto una corsa contro il tempo dei partiti per eliminare il MoVimento 5 Stelle dalle elezioni politiche 2013. La Commissione Affari Costituzionali lavora per questo senza sosta alla nuova legge elettorale. La prima mossa è l'abolizione del premio di maggioranza per scongiurare anche la più piccola possibilità che il M5S, in caso di vittoria, disponga della maggioranza parlamentare. La seconda è un emendamento di giornata che dovrebbe imporre ai partiti e ai movimenti di dotarsi di un vero e proprio (?) statuto. L'emendamento bipartisan di Enzo Bianco (Pdmenoelle) e Lucio Malan (Pdl) prevede che insieme ai simboli delle forze politiche siano depositate le copie degli statuti. Il M5S ha un "Non Statuto" composto da sette articoli, ma forse per i partiti non sarà sufficiente...". Grillo ha davvero paura. ma guardando i sondaggi in calo la colpa non è della legge elettorale. I motivi della bufera sono altri. Da cercare dentro il movimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossodisera

    05 Dicembre 2012 - 00:12

    Siete troppo forti, nello stesso giornale, un poco più sopra, scrivete che Berlusconi e Bersani sceglieranno loro i candidati, sicuramente in mezzo ci sarà qualche indagato/condannato e magari epurano persone per bene, mentre la menate nel manico a Grillo che fa esattamente l'opposto e cioè i candidati sono scelti on line dagli appartenenti al M5S, e naturalmente tralasciano personaggi dubbi. Avete ormai perso il treno, anzi non avete neanche i soldi del biglietto.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    04 Dicembre 2012 - 23:11

    Visto che stai illudendo i giovani che purtroppo ci credono, smettila e ritorna a fare lo zimbello degli italiani. Ed a voi giovani del mondo multimediale, rimettete i piedi per terra e rendetevi conto che una persona simile sarà per voi la più grande delusione.

    Report

    Rispondi

  • maverick100

    04 Dicembre 2012 - 18:06

    Non conosco gli altri 2 ma ho letto quello che ha scritto Alessandro Cuppone. Uno che stava nel movimento pero' avevo il logo di un'altra forza politica. Grillo è stato fin troppo tollerante.Gente cosi' in un partito sarebbe stata cacciata dopo 10 secondi

    Report

    Rispondi

blog