Cerca

Al voto il 10 marzo?

Napolitano avvia le consultazioni
Alfano: governo Monti è finito
Bersani: siete irresponsabili

Il segretario Pdl al Quirinale poi toccherà al Pd e all'Udc. Angelino: alle urne dopo il voto sulla legge di stabilità

Angelino Alfano e Pier Luigi Bersani

Angelino Alfano e Pier Luigi Bersani

 

Una giornata di consultazioni per Giorgio Napolitano.  Poco dopo le 10 e 30 di venerdì 8 dicembre, il segretario Pdl, Angelino Alfano. è salito al Colle con Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri. Nel pomeriggio il capo dello Stato ha incontrato anche il segretario del Pd PIer Luigi Bersani, il presidente della Camera Gianfranco Fini, e il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini. Al termine della giornata, Napolitano ha comunicato di confidare in un "percorso costruttivo e corretto che rispetto l'immagine dell'Italia" nel periodo che vedrà la fine della legislatura". In una nota, Re Giorgio sottolinea come le esigenze di evitare una chiusura drammatica della legislatura sono condivise dallo stesso Popolo delle Libertà. Degli esiti degli incontri, ha aggiunto, informerà quanto prima il premier Mario Monti. Di sicuro c'è che dopo due giorni di fuoco inzia a essere più chiaro il futuro politico dell'Italia: la data più accreditata per le prossime elezioni è quella del 10 marzo.

L'attacco al Pd - Subito dopo l'incontro con il Capo dello Stato, durato circa un'ora,  Alfano è intervenuto alla Camera nelle dichiarazioni di voto sul dl sui costi della poltiica: "Il Pd vuole abbattere un'area politica che è maggioranza nel Paese. Noi però consideriamo conclusa l'esperienza del governo Monti. Questo non ha nulla a che fare con la persona di Monti, con il suo servire le Istituzioni e con con sua lealtà nelle forze politiche e con noi in particolare», ha spiegato. Nel suo appassionato intervento Alfano, rispondendo alle critiche di Bersani, ha poi aggiunto: "Noi ci siamo e resteremo in campo, e combatteremo fino in fondo la nostra battaglia. Ieri non abbiamo votato la sfiducia al governo percheé avremmo causato l'abisso dell'esercizio provvisorio, invece vogliamo concludere ordinatamente questa legislatura senza strappi e senza mandare le istituzioni e il Paese allo scatafascio. Bersani e Casini hanno abusato dell'espressione irresponsabilità ma noi non ci faremo attaccare addosso la lettera scarlatta della I, perché  non lo siamo. Semplicemente, non crediamo che responsabilità  faccia rima con cecità. Alfano sottolinea che dal governo Monti sono stati compiuti alcuni essori ma o "principali glieli ha fatti cimpieter il Pd. Alfano cita per esempio la riforma del mercato del lavoro sulla quale il Pd ha agito ''sotto il diktat della Cgil a sua volta sotto il diktat della Fiom". Il segretario Pdl si è poi rivolto al presidente del consiglio: "Vorremmo che il governo usi le sue ultime settimane per rispettare un impegno assunto anche con noi: noi vorremmo che gli impegni in materia di giustizia fossero mantenuti". 

L'affondo di Bersani Le parole di Alfano arrivano dopo l'attacco del candidato premier del Pd Pier Luigi Bersani che, oltre ad aver accusato il centrodestra di irresponsabilità, ha detto che "l'Imu non è una tassa di Monti ma di Berlusconi e di Tremonti e ancora che "la medicina per risolvere i mali dell'Italia non è Berlusconi". E poi un affondo durissimo sul centrodestra: : "Oggi è venuta meno la speranza che il centro-destra italiano possa dare un mano al cambiamento del Paese. C'è l'amarezza per l'eterno ritorno di una strada che ci ha portato al disastro, mentre il Paese avrebbe un drammatico bisogno di una assunzione di responsabilit. Noi abbiamo una parola sola e saremo leali e siamo pronti a esserlo fino alla fine della legislatura. Leali nel sostegno al governo e alle indicazioni del capo dello Stato. Ma non siamo ingenui e non ci mettiamo sulle spalle il peso della vostra propaganda»

Casini: governo non è parafulmine  Pier Ferdinando Casini nel suo intervento ha rimproverato il Pdl di aver tolto il sostegno a Monti "solo per calcolo elettorale o per motivi connessi al provvedimento che questo governo sta varando" e che sforbicia i costi della politica. Chi si oppone alle misure, accusa, "lavora al mantenimento dello status quo", mentre «l'unica arma all'antipolitica è la buona amministrazione". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bepper

    07 Dicembre 2012 - 19:07

    Alfano ne ha sparato una delle sue sulla Palestina e tutti i bananas appresso. Addirittura Israele ha ammesso la necessità di uno stato palestinese, ma considerando le prossime elezioni la concessione dello status di osservatore (inutile) sarebbe stato usata come arma dall'opposizione. La Germania si è astenuta per il suo complesso verso la Shoah, più che per un'analisi geopolitica.

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    07 Dicembre 2012 - 19:07

    Quello che dici vale per l'election day in generale, ma B. voleva l'election day il 10 di febbraio proprio per evitare (sperando di far ricorso al "legittimo impedimento") la sentenza. Sta cosa non me le sono inventata io, è stata scritta da diversi giornali e mi pare verosimile. E vero quello che dici tu, cioè che B. cercherebbe di fare la vittima, ma capisci che presentarsi candidato premier con una condanna sul groppone non sarebbe il massimo...

    Report

    Rispondi

  • bepper

    07 Dicembre 2012 - 18:06

    Non credo che la richiesta (ricatto) dell'election day sia dettata dalla sentenza Ruby, piuttosto dal fatto che un risultato negativo avrebbe ripercussioni nefaste su una seconda consultazione a breve. Le sentenze di condanna, considerando il bacino elettorale di Silvio, lo rafforzano, tra sodali ci si capisce...

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    07 Dicembre 2012 - 18:06

    anche masochisti,hanno pure pagato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog