Cerca

Di Maria G. Maglie

Grillo ha quasi più candidati che elettori

Parlamentarie tutte da ridere: votano solo in 32mila. In media 23 consensi a testa. Ma il comico esulta lo stesso

Beppe Grillo

Beppe Grillo

di Maria Giovanna Maglie

Sintesi del Grillo pensiero, citata da uno dei suoi sacri testi raccolti su video, lui col volto sfocato, come circonfuso,  «Il Movimento 5Stelle vuole sostituire il Sistema dei partiti con la democrazia diretta. In sostanza vuole la fine dei partiti basati sulla delega in bianco». Fantastico, l’Utopia realizzata, ma se la democrazia diretta è quella appena sperimentata nelle “parlamentarie”, non sia mai chiamarle primarie, non ci siamo proprio; se non fosse per l’acquiescenza che pervade i più, non fosse pure per il botto di consensi soprattutto virtuali ma anche già testati da voto amministrativo, un gran pernacchio ricoprirebbe questa pagliacciata alla fine della quale la gran democrazia diretta si estrinseca in ventitré voti, mezzo più mezzo meno, a candidato. Grillo e guru hanno fatto le parlamentarie per far vedere che le loro sono più belle di quelle rabbiosamente criticate del Pd, per far vedere poi che loro le hanno fatte belle e il Pdl neanche quelle brutte. Buona tattica, finché ci si crede, finché si balla da orbi e da storpi in terra caecorum. Per il resto a partire da quel «voi andrete in Parlamento, io vi controllerò», di democratico non c’è neanche la parvenza, e in questo caso, sia pur nascosto dietro l’escamotage della partecipazione riservata solo agli iscritti, c’è un verticismo dirigista leninista, un populismo sciacquato e parolaio, a partire da quel  «Si tratta di persone normali, di gente le cui faccette di cazzo vedi dappertutto, nelle foto, nei ristoranti, ma che si fanno il mazzo tutto il giorno per lavorare», che probabilmente una buona parte della classe politica si merita ma che l’intelligenza degli italiani dovrebbe rifiutare. Sta tutta qui la storia del successo del grillismo sapientemente costruita per lunghi anni pescando e sfruttando nello scontento lamentoso degli italiani, sta certo nella mediocrità della classe dirigente ma anche nella pigrizia degli italiani, che firmano deleghe in bianco, non controllano, non si comportano da società civile, e poi danno retta al primo capo sfascista. Può finire molto male.

Quattro giorni di consultazioni per le parlamentarie" grilline, ovvero le primarie virtuali indette dal comico genovese per scegliere i rappresentanti da spedire in Parlamento, e poi l’auto acclamazione per risultato trionfale. Sentiamo dall’ampio eloquio di Grillo. «È la prima volta al mondo che un partito fa una cosa del genere e per di più a costo zero - ha dichiarato il leader del M5S - sono veramente soddisfatto». Poi la denuncia dell’attacco di  una serie di hacker, pirati informatici: «Siamo di fatto sotto attacco e questa, è una guerra all’ultimo sangue per far vincere la democrazia». In realtà, sin dall'inizio, ha fatto in modo di blindare la scelta dei soldatini obbedienti  da portare a Roma imponendo  regole ferree, nomi blindati, partecipazione tutt'altro che aperta . Le parlamentarie grilline hanno però riportato il movimento sui media  dopo il momento del  Pd, hanno dato a Grillo l'occasione per attaccare  di nuovo, in particolare per far demagogia sul quattrino, tasto dolente nazionale, ovvero chi le primarie le fa pagare  e chi invece non le fa  proprio. A chiusura dei seggi virtuali  ha rinfocolato l’abituale comizio contro la Casta, contro la politica e contro gli organi di informazione. E’ campagna elettorale per tutti.

E’ campagna elettorale e non si può sempre buttarsi in mare, Mao style. I sondaggi sono pure in calo, sempre roba forte per carità, ma sotto il venti per cento che veniva invece dato per certo qualche tempo fa addirittura un crollo dal ventuno al sedici per cento. Nello stesso tempo i primi eletti cominciano a scalpitare alle regole della setta, e parlano ai giornalisti e vanno in tv, e mica puoi minacciarli tutti di morte, loro e i loro bambini. Così  Grillo e il guru Casaleggio devono essersi detti che le parlamentarie avrebbero risolto i due problemi in una sola volta. Con giornali radio e tv il M5S coltiva un sano rapporto schizofrenico, non ci si deve andare ma ne devono parlare , e guai a ricordargli quel che ha autorevolmente scritto Aldo Grasso:  «E’ la tv che ha dato a Grillo il colpo più grosso: è bastato che ci fosse attenzione su un contenuto più forte, ed ecco le magagne».

Certo, le parlamentarie sono state un grande spettacolo comico. Com’era il candidato romano Alberto Maganelli? Unico. «C’hanno ragione, semo populisti. Io so’ la ggente, parlo con me stesso. Entra uno o entra n’artro, l’importante è, da dentro, daje foco, cioè proprio sterminare. Ma chi stermini, se quelli già so morti?».  La rete però e strana, capita il militante che denuncia di non essere riuscito ad entrare nella rosa, capita quello che fa due conti della massaia, come direbbe Grillo:  «95000 voti diviso 1400 candidati, fa 67,9 preferenze medie. Ogni iscritto, tre voti: 95.000 diviso 3 è uguale a 31.667 votanti. 31.667 votanti diviso 1400, uguale 22,7 iscritti per candidato. Partecipazione dal basso? Più che altro, piccoli club privati e casta estremamente chiusa». E un altro aggiunge: «95mila persone è la popolazione del mio quartiere». Ancora un ribelle «Ragazzi, che brutta figura, 95.000 voti a tre preferenze per votante significa solo 32.000 persone che hanno votato, e il bello è che c'erano 1400 candidati. Vuol dire che ogni candidato  è riuscito a farsi votare solo da una trentina di persone, praticamente dagli amici del bar sotto casa, o poco più! Ehm...». Il più audace: «Costo zero? Chi ha pagato il sito, il server e gli informatici per fermare i cattivi hacker? Casaleggio? E 95 mila voti cosa legittimano? E come sono stati raccolti? Chi ha votato e come? Chi ha controllato e come?». Coraggiosi, se li prende il guru...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ansimo

    09 Dicembre 2012 - 19:07

    Fino a qualche minuto fa pensavo di non andare più a votare perchè scegliendo Bersani so già che le cose cambieranno poco, scegliendo Berlusconi dovrei convincermi che essere amministrato da ballerine e nani è il meglio che voglio per l'Italia, Casini o Di Pietro troppo piccoli per contare. Allora voterò per M5S, perchè? Perchè pur sapendo che non potrà fare bene all'Italia, almeno farà tanto male ai politici esistenti ed incancreniti nel sistema che le sue mazzate le sentiranno così forte da dover scegliersi un futuro ben diverso da quello che si sono creati su misura, cioè vivere da nababbi alle nostre spalle fin che morte non li colga. Da oggi il misero 20% del M5S ha un voto in più. Grazie per avermi illuminato sig.ra Maglie.

    Report

    Rispondi

  • gianfranco199

    09 Dicembre 2012 - 10:10

    sono già scesi, in campo per disinformare.Questa vecchia serva,rimbambita,per salvare il panettone è disposta a mistificare tutto, sulla scia del metodo boffo.

    Report

    Rispondi

  • mau340

    08 Dicembre 2012 - 12:12

    Il senso del ridicolo di alcuni giornalisti è assai bizzarro; mai una parola di sberleffo sul grottesco circo di parlamentari berlusconiani dove nani e ballerine impazzano da sempre. In compenso si cerca di inventarsi aspetti deleteri in movimenti come quello di Grillo che toglie voti al padrone del circo ... Giornalista è una parola Grossa ..

    Report

    Rispondi

  • agosman

    08 Dicembre 2012 - 11:11

    Si vede che non hanno capito niente. La lista di Grillo è una lista di persone normali: impiegati (privati e pubblici), operai, casalinghe, liberi professionisti, imprenditori (piccoli e piccolissimi), artigiani e così via. Sono gente comune. Non sono delle cime, saranno anche inesperti e poco afferrati in politica come la maggior parte di noi, ma sanno sicuramente discernere fra ciò che è giusto e ciò che è ingiusto sempre come la maggior parte di noi. Sono semplici, incensurati, e fino a prova contraria onesti. Cioè non hanno rubato, non hanno intrallazzato con cricche varie, non hanno inciuciato, non si sono appropriati indebitamente di denaro pubblico o di banche, non hanno avuto case pagate a loro insaputa, non hanno ricevuto tangenti o finanziamenti illeciti, non si sono arricchiti con i privilegi della politica o delle alte cariche civili e militari o con le prebende elargite negli anni dalla destra alla sinistra alle varie caste fra cui i giornalisti. E’ così difficile capirlo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog