Cerca

Pier Luigi nel panico

Bersani ha paura anche di Monti
"Meglio che non corra"

Pierluigi Bersani

Pierluigi Bersani

Pier Luigi Bersani adesso ha paura di Mario Monti. "Meglio che stia fuori dalla contesa". Lo ha detto il segretario del Pd e candidato premier alle prossime elezioni politiche. "Proprio perché Monti può essere ancora utile, sarebbe meglio che restasse fuori dalla contesa - spiega Bersani -. Ognuno sceglie come crede, fa le proprie valutazioni con serenità, noi abbiamo sostenuto lealmente questa operazione di transizione che la destra ha sfregiato nelle ultime settimane». Il segretario del Pd ha ribadito che ritiene che in futuro «ci sia l'esigenza di avere (ndr. con Monti) un rapporto in nome dell'Italia».  Bersani risponde anche a chi gli chiede se sia plausibile la data del 24 febbraio per le elezioni politiche: "Se stiamo nelle possibilità teoriche, nel mese di febbraio ci sono più possibilità", dice il segretario del Pd. 

"Giù le mani da Renzi" "Bersani parla anche di Berlusconi: "Lo inviterei a non  cadere nel ridicolo anche se è un luogo che ha già ampiamente  frequentato”, dice sarcastico. E sulle primarie spiega che dopo le elezioni nel partito "siamo tutti più in salute. Si combatterà insieme questa battaglia, perché questi giochini lasciano il tempo che trovano".  E poi, riferendosi a Berlusconi e alla sua apertura verso Renzi, ha detto: "Tutto il Pd, anche Renzi, combatterà insieme per vincere le elezioni". E poi, parlando delle prossime politiche, prennuncia:  “Ho l’intenzione  anche in tempi   stretti, di trovare una chiave di partecipazione. Nessuno può  dubitare di questo. Arrivare ai miracoli non lo garantisco ma tutto il  possibile per la partecipazione sì”. Il segretario Pd ha incontrato a Piacenza il candidato alla Presidenza della Regione Lombardia Umberto Ambrosoli che tra pochi giorni sosterrà lla sfida delle Primarie per ambire alla carica di numero uno  al Pirellone. Bersani ha detto che Lombardia “è centrale per le prospettive del   Paese sul piano economico, sociale e politico” e proprio dalla   Lombardia “può partire la riscossa civica e morale senza la quale   non può esserci un riscatto sul piano economico”. E se il Pd “è   disponibile a questa riscossa civica” il partito democratico vuole   partire proprio dalla Lombardia “per guidare il Paese”  Bersani ha ricordato che “moralità e lavoro sono le due parole  della mia campagna elettorale. Credo che la destra su questi due punti  abbia fallito e mi aspetto che la Lombardia chiuda questa esperienza   regressiva. Mi aspetto - conclude- dalla Lombardia una spinta per un   forte cambio nel modo di fare politica”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Romano_1939

    11 Dicembre 2012 - 12:12

    Che ridere - bersanov non vuole che monti si canditi alle politiche - Lo capisco quelli per monti saranno voti sottratti al pd e quindi a sfavore di bersanov E se tanto mi da tanto, se monti si candiderà, er berlusca vincerà e bersanov perderà cosi farà la fine di occhetto che sicuro di vince nel lontano 1994 contro berlusconi,preparaNdo tutta la squadra di governo prima che si concludessEro le elezioni, prese una grande tranvata e dallo shoc non si è ancora ripreso infatti io non l,ho più visto in tv - forse essendo lui una brava persona, si vergognerà ancora della bravata fatta in illo tempore - IDEM SARA" per BERSANOV infatti ci sono tutti gli incredienti: mese - marzo primarie sfidanti due forze politiche del pd il cav ancora non aveva deciso di candidarsi - ma ora si ed ecco la fotocopia del 1994 - VITTORIA DEL CAV.- BUONE FESTE A TUTTI COMPRSA LA REDAZIONE.-

    Report

    Rispondi

  • spadino65

    11 Dicembre 2012 - 12:12

    ...i comunisti probabilmente ti hanno anche impedito di andare a scuola...mi spiace tanto, i danni sono irreparabili.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    11 Dicembre 2012 - 11:11

    a mandare in pensione statali e parastatali a 35 anni? Io ne conosco tanti, ancora in ottima salute, che stanno prendendo la pensione da qualcosa come 30 anni e, stando alle statistiche, la prenderanno per altri 20 o 25 anni almeno. C'era forse Berlusconi al governo in quei giorni? O era un governo di centro-sinistra?

    Report

    Rispondi

  • acstar

    11 Dicembre 2012 - 10:10

    Oramai è tardi "pelatucolo" del cavolo ! Verranno le elezioni e non dimentichiamo nessuno cosa hai fatto, anche te "stordito" come tutta la tua casta di comunistoidi retrogradi ! Non c'era bisogno di Angela per farci capire chi "ha dato" troppo e ci ha messo in questa situazione ! Ed ora vorresti farci credere che ti sei accorto di quanto hai rubato ? Sono 40 anni che rubate , voi comunisti, per ottenere "consensi" ! Dementi che non siete altro !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog