Cerca

pd tedesco

Bersani fa già il tedesco e accusa Berlusconi: "Dice stupidaggini. Io sarò amico della Merkel"

Il segretario del Pd attacca il Cavaliere e coccola la Germania. Lui si accoda all'Europa dei maestrini teutonici

Pier fa già il premier filotedesco e abbassa la testa con la cancelliera
Pierluigi Bersani
Pierluigi Bersani studia il tedesco. Dal dialetto di Bettola a quello della Bassa Sassonia ce ne passa. Ma lui con tanto di brezel e birra in mano già si vede premier seduto al tavolo della Merkel. E se Silvio Berlusconi prova ad alzare la tesat contro Berlino, lui invece si abbassa subito la testa guardando verso Alexander Platz. Pier vuole far capire alla Merkel che lui è come Monti e che la cancelliera non deve temere se lui sarà a palazzo chigi fra qualche mese. Poi Bersani dovrà trovare il tempo per spiegarle come mai si è alleato con uno come Vendola che chiede di archiviare l'agenda Monti. Un bel pasticcio che però dovrà chiarire. Intanto, così, per contraddire il Cav e farsi bello con la Merkel afferma: "Penso che le parole di Berlusconi siano stupidaggini. Ritengo che lo spread sia preoccupante e che certamente sia necessario discutere con la Germania da amici, da pari a pari ma in modo amichevole. Magari fosse un'invenzione...", dice il leader del Pd. Bersani è già pronto a brindare per la vittoria elettorale. Anche lui vuole essere filotedesco. Se la festa per una sua eventuale vittoria sarà ancora a Roma, a piazza San Giovanni, come fu per Prodi, è meglio che le casse di birra comincino già ad arrivare sull'A1. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Uchianghier

    Uchianghier

    12 Dicembre 2012 - 10:10

    Li vorrei proprio vedere tutti e quattro mano nella mano con Vendola e Di Pietro la massima autorità dell'Università della crusca.

    Report

    Rispondi

blog