Cerca

Il futuro del Pdl

Il guizzo del Cavaliere
congela l'uscita degli ex An

Presentati nome e logo di "Centrodestra nazionale" capitanato da La Russa. Ogni decisione rinviata a lunedì
Il guizzo del Cavaliere
congela l'uscita degli ex An

 

L'ennesima veronica del Cavaliere ha spiazzato gli ex An che ieri sera, mercoledì 12 dicembre, erano pronti a presentare il nuovo partito anticipato da Ignazio La Russa, "Centrodestra nazionale". Maurizio Gasparri e lo stesso La Russa hanno rimandato ogni decisione a lunedì, ma nel frattempo a chi ieri sera era accorso all'appuntamento hanno presentato il logo assai simile a quello di An: senza la fiamma, ma con un bel nodo tricolore che unisce. In questi quattro giorni gli ex colonnelli proveranno a far convergere la loro strada con quella di Giorgia Meloni che domenica mattina , assieme a Guido Crosetto, presenterà la manifestazione per "Le primarie delle idee", nell’auditorium di via della Conciliazione. Ieri, peraltro, la Meloni ha avuto un lungo colloquio alla Camera con Alfredo Mantovano, che assieme a Gianni Alemanno sta nell’area degli alfaniani. Tanto da far girare la voce che, alla fine, la Meloni potrebbe accasarsi proprio in quel gruppo.

"Se Monti venisse con noi..." - Ma il punto è che dopo il "lancio" di Monti firmato in calce da Berlusconi è tutto da ridiscutere. Ogni scenario è fluido, ogni parola non può essere quella definitiva. Ovvi, comunque, i dubbi di La Russa, anche dopo la mossa del Cav: "Noi siamo contro i tecnici e contro la sinistra". Ma poi la mezza apertura: "Se però il Professore venisse con noi, vediamo...". La separazione consensuale dal Pdl era già stata discussa nei dettaglòio, compresi gli aspetti patrimoniali. Ma davanti alla svolta, in attesa di capire che sarà della politica italiana, meglio congelare tutto: come detto, le decisioni, verranno prese il prossimo lunedì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TheUndertaker

    13 Dicembre 2012 - 12:12

    E' quello del pesce intrappolato nella rete. Sparare a zero su Monti ed il giorno dopo offrirgli la candidatura a premier voi di libero lo chiamate "guizzo". Bei giornalisti! Che s'ha da fa' pe campà!

    Report

    Rispondi

  • IoSperiamoCheMeLaCavo

    13 Dicembre 2012 - 12:12

    Quello che Lei dice riguardo al fatto che Fini non doveva confluire nel PDL, é esattamente quello che ha fatto Casini. Voleva allearsi con il cdx e usare il suo simpbolo ma Berlusconi ha detto no, e da allora Casini e Berlusconi non si sopportano piu'. Riguardo a Fini magari ha un complesso di inferiorità, ma alla fine dei conti la sua cacciata dal PDL é stata controproducente per Berlusconi e il PDL, che per 1 anno intero hanno dovuto fare il calcio mercato e la campagna acquisti ogni giorno per sopravvivere alla camera, arruolando tutti i voltaggabbana (dietro compenso di qualsiasi tipo, denaro, poltrone o posti pubblici) del tipo Scilipoti, Razzi, Penati etc. Non so se lei sa qual'é stato il problema principale tra Fini e Berlusconi, ma era la riforma della giustizia con il bavaglio all'intercettazioni telefoniche, che alla fine non é stata piu' fatta. Chiaro che con il senno di poi é facile, ma probabilmente sarebbe stato meglio tenersi Fini e arrivare a fine legislatura, non crede

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    13 Dicembre 2012 - 12:12

    Magari meglio passare dalla scissione all'espulsione.

    Report

    Rispondi

  • bungabungaband

    13 Dicembre 2012 - 11:11

    si dell'ATOMO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog