Cerca

Il piano del premier

Bis a Palazzo Chigi:
ecco come Monti
vuol fregare Silvio

Con l'endorsement del Cav, il Prof si prende l'etichetta di anti-sinistra. Obiettivo: indebolire il Pd e arrivare all'ingovernabilità, per farsi rimettere da Napolitano a Palazzo Chigi

Con il voto anticipato, Mario potrà contare sulla sponda di Napolitano che a febbraio sarà ancora nel pieno dei suoi poteri
Bis a Palazzo Chigi:
ecco come Monti
vuol fregare Silvio

 

Mesi fa, prima che il Pd arrivasse alle preferenze che oggi gli accreditano i sondaggi, i malevoli dipingevano uno scenario con elezioni anticipate ed esito del voto tanto incerto da consentire a Napolitano di ridare l'incarico a Monti. Poi il partito di Bersani, anche grazie all'effetto-traino delle primarie, è arrivato intorno al 30%, facendo prefigurare un facile successo del centrosinistra alle politiche della primavera 2013. Giusto il tempo di sentire Bersani che assicurava fedeltà e lealtà fino in fondo al Prof e al suo governo tecnico, ed ecco saltar su il Cavaliere: che prima non vota la fiducia ai provvedimenti dei tecnici, spingendo Monti ad annunciare le dimissioni facendo paurosamente avvicinare la data delle elezioni, e quindi gli offre il ruolo di candidato premier della coalizione dei moderati.

Oplà, rieccoci tornati a mesi fa. Perchè lo scenario dei mesi a venire potrebbe essere il seguente: Monti che si rende disponibile a fare il premier per un fronte dei moderati, appropriandosi di quell'etichetta di anti-sinistra che tante fortune ha portato a Berlusconi. Obiettivo: indebolire il più possibile il Pd per impedirgli un'affermazione al Senato. Col "porcellum", che nè Bersani nè Berlusconi hanno voluto cambiare, il centrosinistra avrà una solida maggioranza (340 deputati per la coalizione che ottiene la maggioranza relativa) alla Camera, mentre la situazione a Palazzo Madama è assai più incerta, visto che il premio di maggioranza è attribuito su base regionale. E' qui che Bersani e Vendola, di fronte a una vasta coalizione di moderati col bollino Monti, potrebbero avere grosse difficoltà ad avere una solida maggioranza. E a quel punto, entrerebbe in pista Napolitano, che a febbraio sarebbe ancora nel pieno dei suoi poteri e, di fronte al rischio di ingovernabilità, affiderebbe l'incarico al Prof, forte anche del sostegno ricevuto in questi giorni in Europa. Il quale Prof, in quella situazione, avrebbe mano libera (come l'ha avuta nell'ultimo anno) nella formazione dell'esecutivo. Per poi, magari tra un paio d'anni, incassare in Europa il ruolo di "salvatore dell'Italia".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    15 Dicembre 2012 - 19:07

    Ma se è su tutti i giornali che lo ha cordialmente mandato affanculo?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    15 Dicembre 2012 - 18:06

    Siete voi he non avete capito. Qui sono in corso grandi manovre sotterranee dirette e gestite da Re Giorgio in persona. Silvio, intanto, annusa l'aria e vede dove tira e poi si accoda. L'aria europea dice Monti e lui, che sa che dalle prossime elezioni potrebbe uscire solo sconfitto, si trasforma in un pasdaran del Re Travicello. Risultato, se tutto fila, forse il PD vince le elzionie conquistando la camera, ma non avrà mai una maggioranza al senato..ed ecco a voi il Monti bis retto dallo zombie. Ma mentre tutti questi geni sono al lavoro e tutti parlano di Berlusconi spargendo kg di parole, nessuno parla delle necessità vere di questo paese, dei suoi cittadini, del futuro. In pratica, continuiamo a vivere alla giornata e proseguiremo con la cura Merkel. Ma l'importante è che la casta (da destra a sinistra)continui a preservare i propri privilegi intatti. Viva l'Iatlia, viva la libertà. Il giorno delle elezioni è meglio restarsene a casa, anche alle prese per il culo c'è un limite.

    Report

    Rispondi

  • Hattrick

    15 Dicembre 2012 - 17:05

    Costruisce castelli mediatici che nessuno crede piu... lui candida Monti e Monti lo vuole fregare??? Credo semplicemente che Monti se vuole si candiderà per conto proprio e nn vorrà alleanze col PDL... quindi lo ignori del tutto... e questo a Berlusca lo fa incazzare ancora di piu!

    Report

    Rispondi

  • bungabungaband

    15 Dicembre 2012 - 17:05

    credo che lei sia uno di quelli che ha votato x il cavoliere ma che ora ha capito di aver dato la sua fiducia ad un furfante,anch'io dalla parte opposta sono arrivato alla stessa conclusione,,,basta con i d'alema,bindi e casta di sx,ma non ci sto a non esprimere la mia opinione su chi debba amministrarci.non cercherò qui a convincerla di votare m5s ma spero che questi ragazzi abbiano un successo che gli permetta di entrare nel palazzo e far sentire la voce di chi voce non ne ha mai avuta...la informo se non lo sa che in sicilia i consiglieri 5stelle si sono + che dimezzati lo stipendio,hanno rifiutato i rimborsi elettorali,ed il vice pres. dell'ars ha rifiutato lo stpendio dell'incarico,costringendo tutti gli altri a corrergli dietro da crocetta che si autodimezza lo stipendio,al decreto antiparentipoli.....ecco un cambiamento etico del genere anche a livello nazionale non sarebbe una grande rivoluzione?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog