Cerca

Regione Piemonte

Consigliere condannato lascia, al suo posto va la fidanzata

Giovine nei guai per firme false sarà sostituito da Sara Franchino, anche lei eletta in una lista fasulla

Consigliere condannato lascia, al suo posto va la fidanzata

Il consigliere condannato sarà sostituito dalla fidanzata e la Regione Piemonte sarà costretta a pagare due stipendi. Michele Giovine, scrive il Corriere della Sera, esponente del centrodestra, è stato sospeso dopo la condanna - in primo e in secondo grado - per le firme false presentate per certificare la sua lista "Pensionati per Cota", che con i suoi 27mila voti ha contribuito al successo della Lega in Regione nel 2010.

Ma il paradosso è che a Giovine subentra la fidanzata Sara Franchino, prima dei non eletti della stessa lista. In questo modo Palazzo Lascaris dovrà sborsare due stipendi: quello del consigliere sospeso - che si vedrà dimezzata la busta paga - e quello della sua compagna. Uno scandalo secondo l'ex governatore Mercedes Bresso (Pd): "Trovo inaccettabile che Giovine venga sostituito da chi si trova nella stessa situazione. Della Franchino si era già accertata nei processi la falsità della firma. Ora dobbiamo stipendiare una persona eletta in una lista falsa".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eovero

    21 Dicembre 2012 - 20:08

    il vero Cota (governatore) non sa niente di queste firme false,e di questo Vinci che piemontese certo non è..hanno fatto firme false?! si manda lui e la fidanzata al paesino d'origine...come la Bresso..e voi che aspettate una notizia falsata per godere siete dei poverini....

    Report

    Rispondi

  • antari

    21 Dicembre 2012 - 15:03

    ma COTA i voti se li tiene: e' un leghista!

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    21 Dicembre 2012 - 15:03

    però cota sta ancora a fà il presidente, e voi del pdl siete membri di questa giunta fasulla, illegale truffaldina! che cazzo ce frega se pagamo uno in più, la cosa che ce frega e che stamo a pagà una maggioranza di truffatori della sovranità popolare. Coya e il pdl se ne devono annà a casa

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    21 Dicembre 2012 - 15:03

    Con questa gentaglia non bisogna perder tempo in discussioni inutili: quattro colpi di badile sulle ginocchia, due sulle gengive... e la situazione si risolve in un attimo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog