Cerca

Fratelli d'Italia

La Meloni detta le regole: "Nelle liste nessun condannato in primo grado"

Lo statuto del nuovo soggetto politico del centrodestra con Meloni, Crosetto e La Russa ha regole di ferro. No ai condannati in primo grado. Liste pulite 
La Meloni detta le regole: "Nelle liste nessun condannato in primo grado"

Giorgia Meloni

Giorgia Meloni e Guido Crosetto ieri hanno annuciato una scissione dal Pdl per allargare il centrodestra. "Fratelli d'Italia", la nuova creatura politica de "il gigante e la bambina", ha imbarcato anche Ignazio La Russa e buona parte degli ex An. Oggi è stato presentato il simbolo del partito che in alto espone il nome "Fratelli d'italia" e in basso quello di "Centrodestra nazionale", l'ala dell'ex ministro della difesa La Russa. Giorgia Meloni dopo alcune dichiarazioni che attestavano il varo della nuova avventura politica ha voluto precisare una questione cruciale per i candidati nelle liste di Fratelli d'Italia: "Nello statuto di Fratelli d’Italia  specificheremo che non saranno candidati coloro che sono stati condannati in primo grado”. Il riferimento a Silvio Berlusconi sembra fin troppo esplicito. Il Cav infatti è stato condannato in primo grado a 4 anni per frode fiscale. Insomma la Meloni vuol far sapere che con Fratelli d'Italia, Berlusconi non sarebbe mai candidato. Eppure solo ieri sera Guido Crosetto aveva sottolineato come la mossa non era una scissione per prendere le distanze in maniera definitiva dal Cav: "E' una scelta coraggiosa e difficile senza un euro in tasca, vediamo che succederà,  comunque non è uniziativa contro Berlusconi", aveva detto Crosetto. Le parole della Meloni lasciano qualche dubbio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • montorsoli

    19 Novembre 2013 - 12:12

    sindona, cefis, vercellito, mangano, cuccia , ligresti, la russa basta Onorevole molla mefisto o lui ti travolgerà PS mi raccomando la battaglia sulle pensioni non meritatete

    Report

    Rispondi

  • anmilano

    04 Gennaio 2013 - 12:12

    Cara Meloni, niente condannati in primo grado in lista e poi ti allei con liste dove i condannati abbonderanno? Bella coerenza|

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    23 Dicembre 2012 - 00:12

    Non voglio fare l'uccello del male augurio, perchè GIORGIA è l'unica che qualche tryppa ce la, ma gli altri no.In questo momento si sentono importanti,CROSETTO dopo le elezioni si renderà conto che un conto è andare tutti giorni in TV,E un conto prendere voti, Io ho partecipato a tante riunioni organizzate da candidati con teatri, piazze affollate ecc.ecc. ead elezioni finite voti ZERO,così succederà a tutti partiti piccoli e gli italiani hanno finalmente capito che è meglio per noi votare i 2 partiti più grandi, togliendoci dalle PALLE i partiti piccoli che sono gli scarti dei più grandi.FORZA CORAGGIO TANTO PEGGIO COSI' NON ANDRA'

    Report

    Rispondi

  • antari

    22 Dicembre 2012 - 13:01

    Secondo lei Silvio non andava candidato ed il motivo e' che e' piu' che ragionevole supporre che ha commesso reati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog