Cerca

La solita vecchia politica

Province e numero dei parlamentari
Anche stavolta la casta
s'è tenuta tutte le poltrone

Tra i provvedimenti annunciati e non portati a termine nella legislatura, ci sono quelli sul riordino delle amministrazioni locali e i tagli a deputati e senatori

E pensare che quella decisa per Montecitorio e Palazzo Madama era solo una sforbiciatina: 508 deputati anzicà 630 e 254 senatori anzichè 315
17
Province e numero dei parlamentari
Anche stavolta la casta
s'è tenuta tutte le poltrone
E pensare che quella decisa per Montecitorio e Palazzo Madama era solo una sforbiciatina: 508 deputati anzicà 630 e 254 senatori anzichè 315

Riforma della legge elettorale, trasparenza degli atti pubblici e dei bilanci, divieto di affidare incarichi in aziende pubbliche a politici o a condannati. Sono tanti i provvedimenti annunciati e sbandierati dalle forze politiche e poi rimasti lettera morta al termine della legislatura. Ma ce ne sono due che gridano vendetta in modo particolare: il riordino delle Province e il taglio del numero dei parlamentari. Il primo, tramite che fissava l'accorpamento di molte amministrazioni con l'obiettivo di ridurre i costi della politica, si è arenato in Parlamento, bersagliato da una sassaiola di 700 emendamenti. E pensare che a parole l'avevano sostenuto tutti ma proprio tutti. Sulla riduzione del numero dei parlamentari si era trovato addirittura l'accordo a quota 508 deputati (anzichè 630) e 254 senatori (anzichè 315). Una sforbiciatina, nulla di epocale. E invece niente: la casta le poltrone se le è tenute tutte, ma proprio tutte, complice il fatto che, proprio sul più bello (per i cittadini) sul tavolo è arrivata la riforma semipresidenzialista del Cavaliere (che poi, ovviamente, pure non è approdata a nulla, se non a fungere da ottimo diversivo). Il quale poi ha pure il coraggio di andare in tv a dire che lui, le riforme, non ha potuto farle per colpa degli altri, dei partitini.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    23 Dicembre 2012 - 06:06

    Anche qui, mi domando ma dov'è la novità? E' un anno che la casta è scesa in trincea con l'elmetto calzato pronta ad intervenire contro chiunque provi solo a minacciare i propri benefici. Non che Monti ci abbia mai veramente provato, non voleva danneggiare i propri grandi elettori, ma cosa vi aspettate da gente che è stata con il culo saldato alla poltrona per 20/30 anni? Che ora si alzi e dica prego avanti un altro? Renzi, al di là di ciò che si possa pensare del suo programma, è l'esempio tipico della fine che fa chi prova a scalzare gli dei della poltrona!

    Report

    Rispondi

  • ermanno13

    23 Dicembre 2012 - 00:12

    Ringraziamola la Lega e Maroni!!!

    Report

    Rispondi

  • ermanno13

    23 Dicembre 2012 - 00:12

    Ringraziamola la Lega e Maroni!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media