Cerca

Azzurri lanciati

Ingroia sì, Monti no
Il toto-candidature
favorisce il Pdl

Il (probabile) non del prof a correre coi centristi spingerà gli elettori moderati verso il Pdl. E a sinistra il pm può togliere voti a Bersani-Vendola al Senato

Ingroia sì, Monti no
Il toto-candidature
favorisce il Pdl

Quando Silvio Berlusconi dice di poter vincere non sono in pochi a dargli del pazzo. Certo, senza di lui il Pdl era precipitato a livelli di consenso imbarazzanti, ben sotto al 20%. Ma i sondaggi gli stanno dando ragione, nel suo ritorno in politica da protagonista, con un incremento delle preferenze valutato già tra il 4 e il 5% in non più di due settimane. E ora, il toto-candidature sembra andargli più che incontro. Il premier dimissionario  Mario Monti ha rinunciato a candidarsi direttamente per la lista o le liste dei vari Casini, Fini, Montezemolo, assestando un colpetto alle ambizioni dei centristi. Senza il Prof i tre sono dati oggi addirittura sotto il 10%, con un travaso di voti che, con ogni probabilità, finirebbe nelle casse del Pdl. Per votare facce vecchie e stanche come quelle di Pierferdy e Gianfry (e accoliti vari), è assai probabile che l'elettore moderato meno fidelizzato verso Udc e Fli scelga il pdl, pur di sbarrare la strada al centrosinistra.

Poi c'è il fenomeno-Ingroia. Potrebbe sembrare paradossale, ma è assai probabile che nelle prossime settimane il Cav si trovi a tifare proprio per il pm siciliano, il quale col suo niet a Di Pietro ha di fatto già spazzato via dal Parlamento l'Italia dei valori. Proprio la lista arancione di De Magistris potrebbe, con un buon risultato, essere decisiva per impedire al duo Bersani-Vendola di avere accesso anche al Senato (alla camera la cosa è praticamente certa, ma per la seconda Camera si vota su base regionale) al premio di maggioranza, rendendo così assai incerta la maggioranza che uscira dalle urne a Palazzo Madama.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gancherro

    23 Dicembre 2012 - 15:03

    "I farabutti (evasori in prima fila) o gli idioti votano PDL."

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    23 Dicembre 2012 - 13:01

    Non ci crede nessuno che lei è un ex elettore del centrodestra. E dove li trova il 20% degli ex-elettori del PdL che voteranno PD perché Berlusconi si è "allontanato" da sanguisuga-Monti. Tenendo ben presente che il PD non ha alcuna intenzione di formare una coalizione pro-Monti. E' più facile che io voti per Casini piuttosto che Lei in passato abbia votato PdL. Il grande Totò direbbe: "ma mi faccia il piacere...". PS cambi il nickname che non ne è degno.

    Report

    Rispondi

  • mazzopino

    23 Dicembre 2012 - 01:01

    Invece gli imbecilli come pino&pino scrivono commenti anti.

    Report

    Rispondi

  • vittoriomazzucato

    23 Dicembre 2012 - 00:12

    Sono Luca. La Stampa in merito ai discorsi "dinisauro" in un suo articolo pone come coetanei di BERLUSCONI Kohl-Chirac-Thatcher-Zapatero-Bush. Commette, solo per offendere, un errore: fino al 1993 BERLUSCONI ha fatto l'imprenditore e di politica attiva non ne aveva fatta mai. Quindi ......GRAZIE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog