Cerca

Scheggia impazzita

Albertini corre in Lombardia
e sfascia l'intesa Pdl-Lega

Gabriele conferma la candidatura in solitaria e l’asse del Nord scricchiola: "Non condivido il populismo del Carroccio. Maroni? È già fuori dai giochi"

Gabriele Albertini

Gabriele Albertini

di Massimo Costa

«Caro Silvio, non accetto». Per rifiutare l’offerta di un posto da capolista al Senato, Gabriele Albertini ieri ha scritto una lettera a Silvio Berlusconi, definito «egregio presidente e simpaticamente Giove Ottimo Massimo». L’ex sindaco di Milano, oggi europarlamentare azzurro, tira dritto: il 24 febbraio correrà in Lombardia per diventare il successore di Roberto Formigoni. Con o senza il Pdl. «Non condivido l’alleanza con il populismo della Lega Nord» scrive Albertini al Cavaliere, «non posso tradire le migliaia di cittadini che si sono già offerti di correre con me questa corsa e le persone generose che hanno già versato ingenti finanziamenti per la campagna». 

Eppure, in casa Pdl, il passo indietro di Gabriele Albertini è considerato la mossa in grado di ricostruire una volta per tutte l’asse del Nord con la Lega: Berlusconi candidato premier, Maroni candidato governatore. Con l’ex sindaco in campo, al contrario, la strada del leader leghista verso il Pirellone si complica. E la Lega potrebbe decidere di rompere una volta per tutte con gli azzurri, scegliendo la corsa solitaria sia al Pirellone che a Roma. (...)

Come spiega Massimo Costa su Libero di domenica 23 dicembre, le mosse in Lombardia della "scheggia impazzita", Gabriele Albertini, rischiano di far saltare l'intesa tra Pdl e Lega. L'ex sindaco di Milano conferma la candidatura in solitaria, e l'asse del Nord scricchiola: "Non condivido il populismo del Carroccio. Maroni? E' già fuori dai giochi".

Leggi l'approfondimento su Libero di domenica 23 dicembre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ABU NAWAS

    29 Dicembre 2012 - 13:01

    L'ODIATO SINDACO DI MILANO, QUELLO DEI DERIVATI E DEI PARCHEGGI SOTTERRANEI??? RITIRARSI DALLA POLITICA NO???? MILIONI DI LOMBARDI SE LO AUGURANO!!!

    Report

    Rispondi

  • ocotillo

    28 Dicembre 2012 - 12:12

    nella protervia di Albertini si evidenziano un po gli aspetti di Monti,non a caso si è schierato subito con lui con la bandierina del PPE che non sa neanche cosa sia,rinnegando il partito che lo ha votato per 10 anni,e l'aiuto di Berlusconi,non rinnego il suo buon governo di Milano,piuttosto evidenzio l'aspetto che e venuto fuori in questo periodo di transizione politica,dove il fanciullo mette in evidenza la sua tracotanza di primo della classe e che vuol fare cucù a Berlusconi,e il suo diritto a rappresentare il meglio del PDL,mentre gli altri rappresentano tutti il peggio e non sono degni di rappresentare il partito.Se non mi sbaglio è la stessa politica di Monti verso il PDL e Albertini il suo grimaldello per scardinare la possibile rivincita in Lombardia,fondamentale per avere un buon risultato al Senato.Pur se deluso dall'ultimo PDL non posso che vedere e condannare la pugnalata del fanciulletto alle spalle,e definire traditore questa persona è il minimo che si possa dire

    Report

    Rispondi

  • ermanno13

    27 Dicembre 2012 - 12:12

    Sono d'accordo con lei. Ma oggi, purtroppo nel campo del centrodestra, dove ho sempre votato in passato, la dignità è merce molto rara. Berlusconi ha cancellato questa virtù.

    Report

    Rispondi

  • soleados

    27 Dicembre 2012 - 12:12

    Bravo Albertini, un galantuomo che ha rifiutato la proposta del berlusca per un posto di senatore. Caro Berlusca, non tutti sono scilipoti e c'e' anche gente con dignita'.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog