Cerca

Le strategie del professore

Monti: "Mai con Berlusconi". Il piano segreto: distruggere il Pdl e rubare onorevoli a Silvio

Il premier a Repubblica indica le priorità: "Dobbiamo impedire il riflusso della destra populista". Ma con il "Centrino" ridotto ai minimi termini, servirà convincere qualche fedelissimo del Cav

Monti: "Mai con Berlusconi". Il piano segreto: distruggere il Pdl e rubare onorevoli a Silvio

Dalla proposta "decente" alla porta in faccia. E senza nemmeno una telefonata, come hanno ricordato con più di un pizzico d'amarezza nei giorni scorsi dal Pdl. Mario Monti non ha usato giri di parole per dire "no" a Silvio Berlusconi, che dopo aver "rotto" la maggioranza gli aveva offerto la leadership dei moderati. E Monti, che non vuole candidarsi, la leadership dei moderati se la prenderà da solo, anche perché la sua linea è chiara: il Cavaliere, tra i moderati, non ci deve stare. "Mai con Berlusconi", ha detto a Repubblica il premier, chiarendo come la priorità del prossimo governo, che dovrà essere un'alleanza tra Pd e centristi, sarà "impedire il riflusso della destra populista". Lega, quindi, ma anche Berlusconi con tutte le sue derive, sottintende Monti, anti-europee e anti-euro. Altro che super partes, il partigiano Mario fucile in spalla è partito alla caccia del nemico invasore (di campo).

Spezzare il Pdl - Le motivazioni sono chiare: il premier vuole garantire a Ppe e Barack Obama un trapasso morbido, indolore tra governo tecnico e governo politico e la grossa coalizione Pd-moderati gli sembra la soluzione migliore. A questo punto occorre mettere a punto la strategia. Numeri alla mano, senza Monti candidato, i centristi di Casini e Montezemolo potrebbero andare incontro ad un flop clamoroso. Ipotizzando un 30% al Pd, occorrerebbe almeno un 10% dal "Centrino", oggi pura fantascienza. Come fare allora a raggranellare qualche altro voto (e seggio) in più? Occorre infiltrarsi nelle linee nemiche, trattare la resa di qualche deluso del Cav, convincerlo a passare dall'altra parte e mollare una volta per tutte Silvio. Che per essere disinnescato del tutto, pensa Monti, deve avere terra bruciata intorno a sé.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nellomaceo

    28 Dicembre 2012 - 20:08

    Monti e la chiesa,ibanchieri ed il vaticano,si stanno organizzando per affamare ancora di più gli italiani.Bagnasco dà la benedizione a questa usuraia alleanza,altro che missione della chiesa verso i deboli,qui c'è la mafia legalizzata che si mostra con l'accordo dei mass media e del signor Bersani.Italiani non vi resta che non votare questi vicerè.

    Report

    Rispondi

  • GINO47

    25 Dicembre 2012 - 09:09

    ...perchè, nonostante i risultati negativi conseguiti in un anno (disastrosi), tranne un'asserita riconquistata credibilità, dovuta a mero ossequio per l'acquiescenza alla prepotenza della culona, venga così corteggiato. Cosa c'è sotto?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Dicembre 2012 - 17:05

    L'articolo paventa che Monti con il suo centrino possa portar via alcuni parlamentari del PDL. E allora ? Chi se ne frega se li portano con loro, bisogna però vedere se la gente li vota, visto che quello che conta ancora sono i voti del popolo. Se il centrino non viene votato, poco importa che sia rinforzato dai transfughi del PDL, anzi, questi saranno probabilmente i primi ad essere sacrificati o meglio rottamati dai loro capataz.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    23 Dicembre 2012 - 12:12

    Ma se non c'é piu' nulla...!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog