Cerca

par condicio al veleno

Campagna elettorale,
norma ad personam
per mandare il Prof in tv

Monti, non essendo candidato, non potrebbe andare in televisione, se non in qualità di presidente del Consiglio. Ma l'Agcom prepara una norma cucita su di lui
Campagna elettorale,
norma ad personam 
per mandare il Prof in tv
Mario Monti è salito in politica. Ma ora dovrà far salire anche lo share e l'audience. Altrimenti la sua Agenda resta solo per gli addetti ai lavori. Formalmente però non è candidato premier, nè lo è al parlamento. Lui è già senatore a vita. E allora come spedire Mario in tv con la parcondicio che ha regole di ferro? Nel regolamento della par condicio che l'Autorità delle comunicazioni sta mettendo a punto, sarà inserita una norma che consentirà anche a soggetti non candidati di rappresentare le liste nelle trasmissioni televisive. Insomma un modo per spianare la strada a Monti che in realtà in tv non può andarci. Senza questo aggiustamento in corsa il Professore non potrebbe partecipare alle trasmissioni tv se non nella sua veste di presidente del Consiglio. In quel caso il loden sarebbe troppo stretto e non darebbe a Monti l'opportunità di svolazzare nei comizi della campagna elettorale. 

Legge ad personam - Il regolamento sulla par condicio, infatti, vieterebbe la partecipazione a trasmissioni non di informazione o politiche a soggetti non candidati ma riconducibili ad una parte politica. Il punto è chiaro. Non si scappa. Nelle trasmissioni politiche o di informazione, invece, ci sarebbe il contingentamento dei tempi, ma la partecipazione sarebbe riservata solo ai candidati.E così proporre l'emendamento ci penserà Francesco Posteraro, commissario dell'Authority e relatore del provvedimento. Il regolamento dallAgcom, va ricordato, ha valore solo per le tv private. La Rai cosa farà? La Commissione di vigilanza Rai adotterà una norma uguale? E non si parli di legge ad personam. Il Prof potrebbe offendersi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tdg43

    28 Dicembre 2012 - 15:03

    Non vedo perché scandalizzarsi delle "nuove" regole dell'AGCOM. Servono ancora, qualora ce ne fosse bisogno, a ricordarCi che i PROFF. non sono cittadini normali. Sono SUPER anche quando "salgono".

    Report

    Rispondi

  • guangzhou

    28 Dicembre 2012 - 14:02

    ma eri in classe con lucia elena?

    Report

    Rispondi

  • guangzhou

    28 Dicembre 2012 - 14:02

    ma sei italiana??

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    28 Dicembre 2012 - 13:01

    Le stesse persone che rompevano i coglioni con le norme a personam oggi fanno la capriola e dicono: ed allora? che problema e'? Antari,sei un imbecille.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog