Cerca

dalla toga alla poltrona

Ingroia si candida a premier:
vuole fare la rivoluzione

Il pm vara la lista Rivoluzione civile e spara sul Pd. "Bersani candida Grasso, un uomo del Cav". Poi prova a sedurre Vendola e Grillo

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia

Alla fine Antonio Ingroia ha sciolto la riserva ha deciso il salto lo fa. Dalla toga alla poltrona. "Mi candido a premier con la lista rivoluzione civile". L'annuncio c'è e il comizio pure. Durante il discorso per la presentazione della sua candiadtura il pm attacca tutti. Chiude ovviamente a Monti e Berlusconi e inviperito per la porta sbattuta in faccia da Bersani. Ingroia aveva inviato pubblicamente Bersani per convincerlo a discutere su un'ipotetica coalizone con il movimento della toga. E invece Pier aveva risposto: "Io rispondo solo alle lettere che mi arrivano per posta. Questo è il mio modo di fare e non vale solo   per Antonio Ingroia. Ricevo tante lettere pubbliche, da tante parti, alle quali non ho risposto. Se si vuole discutere lo si fa in un altro  modo, non c'è alcuna ostilità nei confronti di nessuno ma ho sempre   fatto così". Per questa risposta Ingroia è andato su tutte le furie. E oggi ha preso in mano il micorofono e ha puntato dritto su bersani. 

Grasso uomo di Berlusconi - "Lo stesso Grasso diventato proc. Naz. Antimafia perchè scelto da Berlusconi grazie a una legge ad hoc che escludeva Caselli. Bersani candida Piero Grasso, colui il quale voleva dare un premio al Governo Berlusconi per la lotta alla mafia. Bersani ha risposto in modo stravagante dicendo che lui non risponde ad appelli pubblicia domanda a Bersani era, vuoi una politica antimafia nuova e rivoluzionaria? il silenzio è stata la sua risposta, non la vuole". Il pm è una furia. Prova anche a far tremare l'alleanza di Bersani con Vendola esaltando Nichi. "Ringrazio Nichi Vendola che aveva invitato Bersani a tenere una porta aperta a noi ma come ha detto Bersani, non ha vinto le primarie". A questo punto al Pm non resta che chiamare Beppe:"A Grillo dico che la porta è aperta, noi non abbiamo preclusioni nei confronti di nessuno tranne Berlusconi e Monti". Insomma lui si candida premier ma di alleanze non ce ne sono. Può solo tenersi stretti De Magistris e Orlando che secondo Ingroia "sono esempi di una buona politica che conquista i palazzi". Infine anche lui si porta un ulteriore medaglietta antimafia in lista candidando il figlio di Pio La Torre, l'ex segretario regionale siciliano del Partito Comunista ucciso dalla mafia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    01 Gennaio 2013 - 13:01

    tutti si riempiono la bocca con critiche e insulti su Berlusconi. Ormai è chiaro a tutti che sanno parlare solo di lui se vogliono fare politica. Ma noi dobbiamo votare un programma per la salvezza del paese o solo critiche e insulti per Berlusconi. Italiani madavvero ci hanno ridotto in questo stato comatosi questi politici che pensano solo a quante e quali poltrone prendere per guadagnare sempre più soldi, ma ci credono così imbecilli? A febbraio lo sapremo vedremo ce ci credono imbecilli ose lo siamo davvero. Per mandarea casa questi personaggi in cerca di poltrona potere e portafoglio ci sono solo due possibilià: VOTARE PDL E M5S, SE QUESTI DUE PARTITI RIUSCIRANNO AD AVERE LA MAGGIORANZA DEI VOTI ABBIAMO LASPERANZA DI SALVARCI.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    31 Dicembre 2012 - 17:05

    Certo che bisogna essere dei veri disperati per credere che certa gente svolga la propria funzione con un minimo di imparzialità. Un po' di sano realismo non farebbe male anche a sinistra.

    Report

    Rispondi

  • laghee

    31 Dicembre 2012 - 13:01

    se si candidano certi magistrati ! Lei ha fatto sapere quanti immobili ha comperato (?) Di Pietro in poco tempo al parlamento ! .. e loro faranno altrettanto !

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    31 Dicembre 2012 - 12:12

    Questo magistrato e' purtroppo uno dei maggiori esponenti di una giustizia ,che ,a mio avviso e' tutta da riformare perche' lottizzata da interessi politici di parte, e ormai incapace di rivestire il proprio importantissimo ruolo in una moderna societa' democratica.A mio avviso i pubblici ministeri dovrebbero diventare procuratori di stato, mentre la carica di procuratore capo , dovrebbe essere elettiva e decisa dal Popolo Sovrano con libere elezioni ,come avviene negli Stati Uniti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog