Cerca

Paura a sinistra

Bersani fa la voce grossa con Monti: "Serve chiarezza, da che parte stai?"

Bersani fa la voce grossa con Monti: "Serve chiarezza, da che parte stai?"

Centrosinistra? Forse l'alleanza si farà dopo il voto, quando una possibile impasse al Senato farà mettere da parte orgoglio e pregiudizi, ma per ora Pierluigi Bersani regala a Mario Monti una buona dose di Veleno. Intervistato da Repubblica e Unità, e davanti ai giornalisti che lo hanno braccato al seggio di Piacenza, dove domenica mattina ha votato alle parlamentarie democratiche, il segretario Pd torna alla carica contro il candidato premier: "Pongo a Monti delle domande politiche: vuol mettersi in Europa nello stesso posto dove è Berlusconi o dove altro? Monti e il centro pensano che il bipolarismo non vada bene, vogliono smontarlo?". Quindi l'ammissione: "Non mi aspettavo uno scenario simile"...

Non basta l'agenda - A Bersani non va giù l'agenda del professore, o meglio il fatto che il leader centrista per ora abbia parlato in termini generali senza entrare nello specifico: "Vorrei sapere cosa pensa dei diritti civili, cosa pensa degli esodati", lo incalza Bersani che entrato nel vivo della campagna elettorale sembra essersi dimenticato delle parole dolci riservate al professore soltanto una decina di giorni fa, giusto prima che Mario annunciasse la propria "salita in politica" abbandonando ruoli tecnici.

Il ruolo di Bondi - Non è solo Monti, il problema. Per Bersani è inaccettabile, per esempio, che Enrico Bondi sia contemporaneamente commissario alla spending review nominato dal governo e delegato al controllo delle candidature del futuro "Centrino" (ruolo peraltro messo in dubbio dallo stesso Pierferdinando Casini, che ha chiarito come le liste dell'Udc voglia farle lui in persona...). "Io ho molta stima e rispetto di Bondi, ma sta facendo un altro mestiere, non può farne un altro", attacca Bersani. Replica a distanza di Casini, secondo cui il Pd che candida il procuratore antimafia Piero Grasso non può criticare Bondi. "Doppia morale"; l'ha definita il segretario Udc. E chissà come avrà incassato l'annuncio dell'ultimo candidato "della società civile" per il Pd, l'editorialista economico del Corriere della Sera Massimo Mucchetti. Probabilmente anche lui, come Grasso e Antonio Ingroia, chiederà l'aspettativa, Basterà?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    31 Dicembre 2012 - 20:08

    Bersani te lo chiediamo in tantissimi: vattene dall'Italia!

    Report

    Rispondi

  • brunom

    31 Dicembre 2012 - 17:05

    Berlusconi deve andare a casa. caduto Berlusconi era compito suo governare invece di chiamare Monti. E' un bel fesso se spera che Monti abbia fatto cadere Berlusconi per spianare la strada a lui. Bersani, piu' che usato sicuro sei usato inutile, la bocciofila di Bettola ti aspetta.

    Report

    Rispondi

  • sirjoe

    31 Dicembre 2012 - 09:09

    in fondo in fondo lo considero un brav'uomo ma inadatto per la politica. le elezioni doveva vincerle un anno fa senza far insediare il governo dei maledetti. ora è tardi può succedere di tutto e l'italia affonderà peggio della grecia. carpe diem bersani carpe diem!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    31 Dicembre 2012 - 01:01

    Ma sarà ridicolo a dire queste parole? Guarda con chi sei alleato, doppia morale!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog