Cerca

Verso il voto

Berlusconi insiste con la Lega:
"Pronto a fare un passo indietro"

Berlusconi insiste con la Lega:
"Pronto a fare un passo indietro"
Silvio Berlusconi continua il suo tour elettorale in tv. A sky Tg24 il Cav parla della sua candidatura e afferma: "Non è detto che io debba essere il Presidente del Consiglio io sono il leader indicheremo il Premier dopo le elezioni. Io mi ero ritirato dalla politica, ad Alfano è mancato il tempo, senza di me purtroppo non possiamo vincere". L'ex premier pensa ad una marcia indietro dopo il voto oppure pensa ad un nuovo candidato? I nomi caldi sono tanti. Flavio Tosi ha proposto l'ex ministro Passera, ma anche lo stesso Tosi, in un'ipotetica alleanza con la Lega potrebbe rientrare nel ciclonedelle ipotesi. Il Cavaliere però non sembra voglia mollare se non messo alle strette.

Il Pd è comunista -  E intanto prosegue la sua campagna. Sul Pd dice: "Il nostro avversario è sempre quel partito che viene dall'esperienza comunista. Bersani rappresenta vecchie ideologie". Poi parla di giustizia e della discesa in campo di Ingroia, l'ex pm leader di Rivoluzione civile dice: "Vengono i brividi pensando a Ingroia, è di estrema sinistra e curava casi delicatissimi. Io sono un innocente perseguitato, magistratura democratica è il braccio giustizialista della sinistra. La magistratura mi perseguita da sempre ne ho visto di tutti i colori, non mi spaventa niente e nessuno". 

Risposte a Monti e apertura alla Lega- A questo punto il Cav attacca il Prof che ormai non fa altro che picchiare duro su Berlusconi: "Quello che dice Monti non ha credibilità, ha approfittato della situazione per candidarsi.Il governo dei tecnici ha aumentato il debito pubblico. E non ho mai detto che Monti è un leaderino, ma che con quei partitini ha poca strada da fare". Sulle alleanze per il voto Berlusconi è chiaro e non nega i rapporti con la Lega: "Saremo alleati della Lega Nord, stiamo definendo i dettagli". Quindi l'asse Lega-Pdl potrebbe tornare ancora una volta. Nodo fondamentale la lombardia dove Albertini fa il guastafeste scegliendo di correre da solo. "Albertini l'ho scoperto io come politico, è stato un ottimo sindaco di Milano ma, deve essere riconoscente, altrimenti finirà come in Sicilia dove due schioeramenti separati di centrodestra hanno dato la vittoria alla sinistra". Il Cav nel suo lungo discorso trova il tempo anche per il Movimento cinque Stelle: "Grillo, lo capisco. Io sono antipolitico quanto lui. Credo nelle sue battaglie".

Le liste -
 Berlusconi parla anche dei suoi progetti di governo e delle sue liste: "Con noi candidati che non abbiano mai fatto politica. Le liste del Popolo della Libertà saranno ricche di persone nuove che rappresentino le categorie sociali. Tra i nostri parlamentari ci saranno rappresentati di ogni categoria, artigiani, imprenditori....tutti nessuno escluso". Infine alla domanda "a chi si ispira nella sua vita da leader politico" il Cav risponde senza dubbi: "Nel mio pantheon non ci sono politici. Io non mi sono mai sentito un politico. Nel mio pantheon ci sono mio padre e mia madre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    05 Gennaio 2013 - 17:05

    meglio fare il raccattapalle. Piu' consono per le tue doti

    Report

    Rispondi

  • Gae54

    05 Gennaio 2013 - 02:02

    Dopo le vergogne fatte da Bossi e da altri della lega non contano più niente solo i barbari li voteranno.i cambiamenti che volevi fare ora li vuole fare grillo.pensaci bene .per poter fare cose nuove bisogna eliminare i politici di mestiere (fini,casini,Bersani,Bindi,finocchio e tantissimi altri.(quasi tutti)al governo deve andare gente per bene .monti e'stato il peggiore a dato la spallata finale all'Italia non capisco come la gente potrà votarlo lui è quei due parassiti di fini e casini.

    Report

    Rispondi

  • pepo

    04 Gennaio 2013 - 07:07

    lo vedrei bene come ministro della Gioventu'

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    03 Gennaio 2013 - 18:06

    di non litigare per il cavaliere, tanto il discorso è chiuso ...e se fosse possibile votare con le preferenze...... neppure raggiungerebbe il quorum per il parlamento...altro che premier, ministro, sottosegretario ......sulla tragica farsa italiana è calato il telone.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog