Cerca

Alleati del Cav

Fratelli d'Italia, La Russa: "Non siamo un partitino di destra"

A Milano i leader di Centrodestra Nazionale. Ignazio: "Gente nuova, facce nuove, selezionate per onestà e competenza"

Fratelli d'Italia, La Russa: "Non siamo un partitino di destra"

di Marco Petrelli


Fratelli d'Italia inaugura il 2013 con una raccolta firme per chiedere le dimissioni di Mario Monti da senatore a vita. "Vuole candidarsi? Si dimetta dalla carica!", tuona al megafono Marco Osnato, consigliere comunale Pdl di Milano tra i primi ad aderire a FdI. In piazza San Babila a Milano l'atmosfera ricorda quella dei comizi del MSI anni '60. Cliché nostalgico? Macché: "FdI nasce come alternativa a un Pdl più ingessato - sottolinea Osnato -. La gente ci ha visto un po' eterei e noi abbiamo risposto con maggiore impegno nella politica sul territorio, nel sociale nell'associazionismo". 


 



Dello stesso avviso l'eurodeputato Carlo Fidanza, anche lui Fratellino della prima ora: "FdI può contribuire al rinnovamento del centro destra italiano, mostrandosi capace di fare mea culpa per gli errori del passato e di presentare una nuova classe dirigente". Sulla rottura tra La Russa e Gasparri, Fidanza ritiene che scelte diverse "non comprometteranno il cammino di FdI, partito che può andare avanti anche sulle sue gambe senza l'apporto di Gasparri, dimostrando agli elettori di non essere una riproposizione di Alleanza Nazionale".

Che FdI sia qualcosa di nuovo lo conferma anche l'onorevole Paola Frassinetti commentando l'adesione di Guido Crosetto: "Guido si è dimostrato un politico preparato e coraggioso. Il fatto che sia in FdI pur non venendo da An palesa come questo sia un partito di centro destra nuovo e non un partitino di destra e basta". E a chi nutrisse ancora dubbi sull'attendibilità di FdI risponde secco Ignazio La Russa: "Gente nuova, facce nuove, persone selezionate per competenza e onestà". Firma anche lui per le dimissioni di Monti, sempre affiancato da una giovane militante che ha eletto a musa. A tornare al tema dell'iniziativa è l' onorevole Riccardo De Corato, anche lui presente: "Qualora Monti voglia mettersi in ballo deve obbligatoriamente rinunciare alla carica di senatore a vita".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sarame

    22 Gennaio 2013 - 10:10

    fammi capire bene prima che vado a votare ,tu nasci a destra oggi mi dici che non è un partito di destra . una domanda piccola piccola ma ci sei o ci fai? i nuovi poi quali sarebbero quelli che non governeranno mai altrimenti tu che faresti? .ma che te sei fumato di recente ? .

    Report

    Rispondi

  • eziogius

    13 Gennaio 2013 - 18:06

    ma davvero LaRussa ha affermato quello che mettete nel titolo? Facce nuove,gente nuova........La redazione mi dica dov'è questo partito che lo voto subito

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    05 Gennaio 2013 - 12:12

    allora a che serve ? è così difficile capire che gli italiani che non voteranno ,sono soprattutto quelli che non si riconoscono in una formazione di destra che ne rispecchi le idee ed i progetti? bravi, avete distrutto un sogno italico ed ora ritiratevi in buon ordine, tanto all'elezioni per voi sarà un fiasco colossale.

    Report

    Rispondi

  • Gae54

    05 Gennaio 2013 - 03:03

    Guardateli bene sembrano la famiglia Adams come la gente potrà votarli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog