Cerca

Dopo i dati del Viminale

Berlusconi: Impennata criminalità dovuta alle politiche dei tecnici

Berlusconi all'attacco di Monti: "Le misure recessive colpiscono i più deboli. Io sono l'ultimo baluardo della libertà". Su Renzi: "Messo da parte dalla nomenklatura comunista"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Mentre Mario Monti presentava il logo del suo "centrino", Silvio Berlusconi continuava la sua campagna elettorale in tv. In un'intervista a Studio Aperto il Cavaliere ha ribadito: "Abolizione dell'Imu. E ridurremo le tasse sulle famiglie e le imprese, perché meno tasse sulle imprese, sulle famiglie e sul lavoro si traducono in più consumi, più produzione e più lavoro. E quindi in più fondi nelle casse dello Stato".

Attacco ai tecnici - L'ex premier si è poi detto certo che "l'aumento della criminalità, come dimostrano i dati diffusi oggi dal Viminale, dipende dalle politiche di recessione del governo tecnico. Le politiche di austerità dei tecnici hanno condotto alla recessione, che si è portata appresso l'aumento della criminalità che colpisce proprio i più deboli, gli anziani, le persone sole e le famiglie". Poi il Cav ha snocciolato i dati: "I furti sono aumentati del 17%, gli scippi del 6%, le truffe del 7 per cento. Il confronto con l'anno precedente quando c'era il nostro governo sono un atto d'accusa per il cinismo del governo tecnico che diceva di voler salvare il Paese, e invece, in realtà, lo ha impoverito con le tasse, creando il terreno per l'aumento della criminalità, e questo non depone a favore dell'operato dei tecnici".

"Par condicio, una truffa" - Nell'intervsita, Berlusconi tocca anche uno dei punti che più hanno fatto discutere negli ultimi giorni, la par condicio, che "in realtà è una truffa che dà ai piccoli e anche ai piccolissimi partiti lo stesso spazio dei grandi, di gran lunga superiore di quello che sarebbe logico se fosse legato ai consensi reali". Il Cavaliere ha poi aggiunto che "in caso di vittoria modificheremo la par condicio", e ha ricordato che "non è un caso che quando abbiamo provato a cambiare la legge i primi a mettersi di traverso sono stati proprio Fini e Casini".

Appello ai moderati - Quindi l'appello "accorato, che rivolgo al popolo dei moderati, per non disperdere il voto e concentrarlo sul Pdl e su di me, che resto l'unico baluardo a difesa delle libertà. Se gli italiani vogliono un governo efficiente che porti l'Italia fuori dalla crisi e faccia le riforme necessarie - ha aggiunto -, gli elettori dovranno ignorare i piccoli partiti e votare o per il Pdl o per la sinistra per fare in modo che chi vince abbia in Parlamento la maggioranza assoluta, altrimenti chi vince dovrà subire i veti e i condizionamenti dei capi e capetti dei piccoli partiti".

Il patto - Berlusconi, in un precedente intervento a TeleRoma56, aveva ribadito che "faremo sottoscrivere a tutti coloro che presenteremo nelle nostre liste un patto. I nostri candidati, con la firma del patto, si impegneranno a votare il dimezzamento degli emolumenti ai parlamentari e accettare la permanenza in politica per un massimo di due legislature. In più ci abtteremo per il dimezzamento del numero dei parlamentari. Presentermo - ha spiegato - persone affidabili che non debbano far soldi con la politica, ma che abbiano già una loro professione affermata, un loro reddito".

Su Renzi e la sinistra - Nell'intervista all'emittente locale, Berlusconi ha parlato ancora di Matteo Renzi. "Questa - ha rimarcato - non è ancora una sinistra socialdemocratica. Cento anni fa, in Inghilterra, il comunismo ortodosso si trasformò nel partito laburista. Alcuni anni fa, in Germania, nacque il partito socialdemocratico". Quindi il Cavaliere arriva al sindaco rottamatore di Firenze, sconfitto da Pier Luigi Bersani alle primarie del Pd: "Io ho avuto la speranza che la sinistra italiana cambiasse quando è comparso sulla scena politica Renzi. Ma è stato messo da parte dalla vecchia nomenklatura comunista. Bisogna evitare i rischi già corsi nel 1994. Abbiamo ancora un partito di post comunisti. Per me è importante che il mio Paese, come nel '94, non sia sottoposto a una cura come quella che propone la sinistra", ha concluso Berlusconi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberopensatore1950

    05 Gennaio 2013 - 14:02

    Organizzerei una gita dalle sue parti con tutti i ragazzi che conosco, naturalmente con mio Figlio, pronti a svolgere qualunque lavoro, dal manovale o più giù, sino alla laurea con master, poi li sistema lei. Loro, hanno fatto domende scritte, de visu, inviati curriculum, smettetela di raccontare balle che una buona parte di quelli che conosc se ne stanno andando in Australia e Cina, altri in Germania. Ha mai provato ad essere un poco anarchico ed a pensare e vedere con testa ed occhi di sua proprietà?!

    Report

    Rispondi

  • chet57

    05 Gennaio 2013 - 13:01

    Sei solo un fanatico penoso e squallido.

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    05 Gennaio 2013 - 12:12

    Non c'entrano i tecnici e Berlusconi ha detto una cosa reale ma non imputabile ai soli tecnici ma siccome alcune aree politiche vivono con il paraocchi, non si sono accorti che manca il lavoro per Italiani ed extracomunitari ed esiste un aumento sconsiderato di furti. Evidentemente, coloro che non percepiscono questo, sono parassiti, amebe, mantenute, siccome dall'ultimo(non esiste) degli appartententi ad una impresa di pulizie al più ricco ed onesto imprenditore, capiscono che è un momento di difficoltà enorme, chji non lo vede, legge o comprende, vive fuori dalla realtà, dunque è un raccomandato e protetto.

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    05 Gennaio 2013 - 12:12

    Ricordate i "no global"?, avevano torto preannunciando la distruzione del mercato e lo sfruttamento? L'euro non è vero che ci ha rovinati, ci ha solo dimezzato le entrate rispetto alle uscite. I posti di lavoro, sono occupati, per pena pietà e compassione, per gli amici che arrivano da altri lidi. Loro si che fanno pena... Quelli che non trovano lavoro, si uniscono con i ragazzi choosie Italiani e fanno cazzate. Davvero una bella società; Chiesa e perbenisti accolgono, ed il tessuto sociale normale, deve assorbire ogni contraccolpo. Quanto a S. Marino, la banca più impiortante aveva come presidente un tizio infilato dai "dintorni" di prodi il cui padre, ma anche lui, fecero apprendistato nella vecchia russia. Sempre a San Marino, ci finiscono i soldi ricciclati e l'evasione ma p territorio rossegiante, dunque intoccabile. Berlusconi se lo può tenere chi lo ama, personalemnte penso con la mia zucca vuota e se Ingroia, Bersani. Grillo, Berlusconi, chicchessia, iniziassero a spiegare...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog