Cerca

Il valzer delle poltrone

Governo, ecco chi resta fuori dalle nomine dei sottosegretari

Governo, ecco chi resta fuori dalle nomine dei sottosegretari

Matteo Renzi ha regalato ben 53 poltrone tra vicemnistri e sottosegretari. Un esercito di nominati per accontentare tutti gli alleati di governo. I nomi caldi che sono entrati nella squadra di governo sono quelli di Enrico Morando, nuovo viceministrio dell'Economia, Ivan Scalfarotto sottosegretario alel Riforme e ai rapporti col Parlamento e Riccardo Nencini alle Infrastrutture. Renzi ha acocntentato Ncd lasciando di fatto invariata la squadra del Viminale ma i malumori di chi è rimasto fuori presto verranno fuori.

I trombati - Un nome in pole position per le deleghe alle pari opportunità era quello di Cecile Kyenge. L'ex ministro dell'Integrazione invece è rimasta fuori dal valzer di poltrone e molto probabilmente dopo la sua esperienza di governo dovrà sperare in una chiamata per le europee. Ma già, come ricordato da Libero, nel Pd è scoppiata la bufera perchè in tanti tra i dem non la vogliono capolista. Insomma si chiude per ora qui l'esperienza di governo della Kyenge. Ma un altro "big" che è rimasto fuori dalla lotta per le poltrone è Mario Mauro. L'ex ministro della Difesa era entrato nel governo Letta in quota Scelta Civica. Poi il centrino si è spezzato e nel novembre 2013 lascia i montiani per presentare Popolari per l'Italia lanciato ufficialmente il 28 gennaio 2014. Mauro dunque non è riuscito a conservare la poltrona. Monti ha piazzato la Giannini all'Istruzione, e Per l'Italia ha trovato posto Andrea Olivero al sottosegretariato all'Agricoltura. Insomma il poltronificio Renzi ha mozzato due teste di peso del governo Letta. E già scoppia la rabbia degli esclusi. Emanuela Fiano fatto fuori dalle poltrone di governo polemizza su Twitter - "Impossibile delle volte continuare a credere nel proprio lavoro". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    01 Marzo 2014 - 01:01

    Ceciliona e Mario due figure astratte che nessuno rimpiangerà.

    Report

    Rispondi

  • SiamologiciPerdiana

    28 Febbraio 2014 - 19:07

    Rimane valida la dichiarazione delle cose da fare indipendentemente dai nominati e/o trombati che sono tutti della stessa forza. Renzi non si gioca solo la faccia ma si gioca anche il culo. Voglio credere che fara' le riforme per il bene del paese altrimenti sara' il caos e Grillo spazzera' via tutti. Voglio credere che diminuira' l'irpef delle due cifre altrimenti i forconi entreranno al governo. Le tasse uccidono, Equitalia uccide va eliminata !. Purtroppo non c'e piu' tempo bisogna agire e agire subito, la rivoluzione deve iniziare subito. Chi ha un mutuo sulla casa non deve pagare tasse sino a quando non verra' tolta Ipoteca sulla casa dalle banche !.

    Report

    Rispondi

blog