Cerca

Le mosse

Alfano: "Non è vero che si vota nel 2015"

Alfano, Renzi, Berlusconi

Angelino Alfano si blinda a palazzo Chigi. Il ministro degli Interni non vuol sentir parlare di elezioni anticipate e prova a spingere l'orizzonte della legislatura fino al 2018. "Non è vero che si voterà l’anno prossimo perchè noi abbiamo bisogno di un periodo di governo per abbassare le tasse", ha affermato il premier durante il suo intervento alla convention di Ncd a Milano. Poi il titolare del Viminale ha criticato le parole del Cav che ieri aveva annunciato il ritorno alle urne per il 2015: "Silvio Berlusconi "a settembre diceva che si sarebbe andati a votare a novembre. A novembre diceva che si sarebbe andati a votare a gennaio. Non è vero che si voterà l'anno prossimo, perchè abbiamo bisogno di un periodo di governo per abbassare le tasse". "Questo governo non può avere un’ambizione bassa: deve cambiare l’Italia. A questa missione noi aderiamo da protagonisti", ha aggiunto, "e la formazione del governo ne è stata la prova", ha aggiunto Alfano. Ma Silvio, nonostante le parole di Alfano, non vuole rinunciare al voto. 

Il piano - "Vedrete cose che voi umani nemmeno vi immaginate". Parlano così i frequentatori di Arcore che raccolgono le confidenze di Silvio Berlusconi. Secondo quanto racconta La Stampa infatti tra Silvio e Renzi ci sarebbe un accordo per andare al voto già nel 2015. Il piano riguarderebbe un governo Pd-Forza Italia con il taglio delle ali a destra e a sinistra. Certo non ora, ma in autunno, dopo le europee. Un terremoto politico che potrebbe avere conseguenze fortissime sull'attuale maggioranza. Alfano e i rossi del Pd tremano...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • asservazione

    02 Marzo 2014 - 20:08

    Alfano non può decidere se non supportato dal Cav. Il presidente del consiglio mette più tasse che chiacchere.

    Report

    Rispondi

  • DIEGO SICILIANO

    02 Marzo 2014 - 20:08

    Questo poveraccio solo per il bene dell'Italia sua poltrona e le poltroncine dell'amici suoi di merenda, se San Gennaro Napolitano gli darà una mano si voterà forse nel 2023, gli italiani capiranno noi siamo un popolo di cornuti silenziosi e pacifici-

    Report

    Rispondi

  • fplato

    02 Marzo 2014 - 18:06

    In che universo vive Alfano? Come si fa a ridurre le tasse aumentandole sulla case e sui risparmi? Forse queste sentinelle antitasse prima della guardia hanno esagerato con la grappa, e loro stanno ancora ronfando, mentre le gabelle vittoriose stanno rovistando le nostre tasche. Che Alfano e Lupi non siano delle aquile in economia è cosa dimostrata, ma che cerchino di ipnotizzarci facendoci credere che le tasse calano, è cosa che neanche il re dei truffatori avrebbe il coraggio di fare.Sono il frutto avvelenato che certa parte della curia ha escogitato per ritornare a comandare senza avere la faccia di Berlusconi. Il risultato è talmente goffo e senza nessun spessore nè dignità che fa vergognare anche loro. E dopo Alfano Albertini, il sindaco in mutande, grande amico di B da dire di votare per la decadenza, grande ammiratore di Monti da lasciarlo per una nuova liason politica. Tutti grandi personaggi che lasceranno un segno indelebile nel nostro avanspettacolo politico.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    01 Marzo 2014 - 18:06

    Alafano, farai anche tu quel che ti lasciano fare. Sin'ora ne hai dette tante ma un bel figurone non l'hai fatto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog