Cerca

La reazione del Cav

Berlusconi: "Non faccio saltare il Senato"

Berlusconi:  "Non faccio saltare il Senato"

Silvio Berlusconi ha ceduto a Matteo Renzi ha accettato che la nuova legge elettorale si applichi solo alla Camera. Da Tunisi al telefono ha precisato che "questa è l'ultima mediazione possibile, oltre non andiamo". In una ricostruzione di Repubblica parla della tentazione che viene definita "più audace". La contromossa del Cav è quella di bloccare l'abolizione del Senato e far saltare il tavolo. Il ragionamento che ha fatto ai suoi è più o meno questo: "Approvata la legge elettorale, porteremo avanti le riforme istituzionali, ma fino a un certo punto: non è affatto sicuro che diremo sì all'abolizione del Senato". Una strategia rischiosa perché l'abolizione del Senato potrebbe essere approvata dagli altri e, ovviamente, se Forza Italia dovesse sfilarsi potrebbe risultare impopolare.

La nota Ieri martedì 4 marzo, in una nota dopo un vertice con i suoi Berlusconi spiega cosa lo ha spinto ad appgoggiare, seppure a malincuore, Renzi. I toni sono critici. Silvio prende atto "con grave disappunto" della "difficoltà" del capo del governo di "garantire il sostegno della sua maggioranza agli accordi pubblicamente realizzati". Per senso di responsabilità e "come ulteriore atto di collaborazione", Forza Italia è disponibile a "una soluzione ragionevole" che limiti l’efficacia della legge elettorale «alla sola Camera dei deputati". Per il resto rimane valido l’accordo "pubblicamente realizzato" e Silvio smentisce "patti segreti" con Renzi. Quanto al resto, ai temi economici e sociali, Berlusconi ribadisce la chiara opposizione»di Fi a partire dalla necessaria riduzione della pressione fiscale e del peso dello Stato, argomenti che ci rendono naturalmente alternativi alla sinistra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    05 Marzo 2014 - 18:06

    "Non faccio saltare il Senato". Ehhh, il vecchio satrapo mica è fesso. Più lui rimane ai margini e meglio è. Che il PD si impicchi da solo alla forca, cosa che sta facendo con efficiente speditezza. Il vecchio, intanto, attende, perché sa, il priapico vegliardo, che il tempo è galantuomo e che le bugie, come d'altronde quelle che contava lui, hanno le gambe corte.

    Report

    Rispondi

  • angryant

    05 Marzo 2014 - 14:02

    ormai non ne possiamo piu',e non protestiamo piu'...berlusconi ha perso la bussola e non riesce a fare altro che sbracarsi sopraffatto dal pd (la sua "responsabilita'" e' prima di tutto nei nostri confronti)...aspettiamo e speriamo che finalmente berlusconi se ne vada in pensione ,faccia il presidente di partito e lasci a chiunque possa garantire un'alternativa reale alla sinistra..

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    05 Marzo 2014 - 14:02

    Ma Berlusconi non era quello che doveva "fregare" tutti? Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah...

    Report

    Rispondi

  • alvit

    05 Marzo 2014 - 12:12

    Caro Silvietto, ci stai rovinando non mettendoti di traverso alle idee idiote di questi magna pane a ufo. Le cadreghe dovrebbero scottare a loro e non a te. Stai dimostrando di essere anche tu un coniglio.Stai tranquillo che i patti che hai fatto per non finire al gabbio saranno mantenuti. Cerca di perderne ancora tanti di voti, continua così, ci lascerai una bella eredità, il nulla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog